Il Comunismo Come Religione (Studio Popolare)

Chris Myrski

Questo è studio popolare sul comunismo come religione, elaborato scientificamente, da /apolitico/ punto di vista, anche con elementi di SF su una nuova religione, e con Appendice poetica multilingue.




Chris Myrski. Il Comunismo Come Religione. 1998





The Works of Chris Myrski
    Il Comunismo Come Religione    

© Chris MYRSKI, 1998








     Astratto:


      Questo è uno studio popolare sul comunismo come religione, perché esso deve essere considerato in questo modo, soprattutto oggi, dopo il suo declino come forma di governo sociale. Questa visione era intuitivamente supportata da molte persone, ma non era scientificamente elaborata, tanto più da un punto di vista /apolitico/, e anche con alcuni elementi di fantascienza alla fine. C'è anche un'aggiunta, una multilingua che chiarisce momenti interessanti con i saluti comunisti in diversi paesi.





















IL COMUNISMO COME RELIGIONE





(Studio Popolare)





Chris MYRSKI, 1998














     [ La copertura come idea dovrebbe assomigliare a questa: su uno sfondo rosso, davanti al titolo c'è una fotografia, sul retro di tutta la pagina — anche una.

     Nella foto davanti: la parte sinistra è angolo di una stanza, con una bandiera rossa inclinata verso il muro, su un tavolino o uno sgabello di fronte c'è il ritratto di Lenin in una cornice incrostata (con falci e martelli, se è possibile dipingerlo) e con due candele accese su entrambi i lati; di fronte al quadro, sulla destra, su un piccolo tappeto (piuttosto stuoia di paglia), un soldato di Budjoni con la testa chinata (il volto non può essere visto) è in ginocchio, e si è tolto il berretto (con la stella rossa), che si trova alla sua sinistra, nella direzione alla sua testa, a destra ha messo il suo fucile con baionetta; la posa del soldato è come in una preghiera musulmana, egli è con i piedi nudi (e sporchi, se si vede) e anche con una toppa sui pantaloni, e le scarpe, strappate e scoppiate, sono lasciate dei suoi piedi; tutto emana fanatismo e sofferenza.

     Nella foto sul retro: sullo sfondo della copertina è dipinta una mano aperta sinistra (con il pollice a sinistra e con le dita aperte), nel mezzo della quale è mostrata una stella rossa a cinque punte con foro pentagonale al centro e intorno per un "uccello" (o linea piegata per marcare ciò che è fatto, con parte destra leggermente prolungata — vedete capitolo IV.3) tra i raggi in basso a sinistra, in basso a destra, e in basso a metà (cioè un totale di 3 angoli). ]







     


INDICE




     Introduzione

     I. Somiglianze del comunismo con le altre religioni

     II. Differenze tra il comunismo e le altre religioni

     III. Passato e futuro della religione comunista

     IV. Il Pentaismo — la religione del futuro

     Aggiunta — Ricerca etimologica (multilingua)

     

     





INTRODUZIONE




     Nonostante le varie discussioni sui pro e contro del comunismo, discussioni che di solito non portano a conclusioni indiscutibili, perché ogni cosa dipende da tempo e luogo, ogni medicina — dalla dose, ogni governo — dall'oggetto del governo, ogni democrazia — dal demos, ecc., sembra che questa considerazione sia necessaria per le persone bulgare (e non solo), o almeno per la parte riflessiva di esse. Essa è necessaria, non tanto per trovare nuovi colpevoli per la crisi o la catastrofe in Bulgaria, ma per gettare la giusta luce su questa tema, perché la crisi, come si è scoperto, viene iniziata dopo il nostro rifiuto del comunismo, e una prova diretta dei vantaggi o degli svantaggi di esso noi ancora non abbiamo, perché non abbiamo il cosiddetto "gruppo di controllo", come dicono i medici, che dovrebbe essere sempre presente quando si indaga su un farmaco per fare una comparazione legittima, cioè noi non avevamo due bulgari paesi: un comunista e un non tale, da confrontare i risultati. I tedeschi avevano due Germanie, e tuttavia la loro situazione non è incontestabile, perché essi non avevano uguali risorse naturali, né erano ugualmente grandi, né erano ugualmente distrutti nella guerra; e, inoltre, la parte orientale sosteneva, in una certa misura, il blocco socialista, per la semplice ragione, che in una squadra di cavalli, i cavalli più forti soffrono più di tutti gli altri (e quelli più deboli — come la Bulgaria, per esempio — vincono). Noi non abbiamo una prova del genere e possiamo paragonarci, sia con i nostri fratelli del destino, da paesi ex comunisti come i cechi, gli slovacchi, gli ungheresi, ecc. — il cui paragone non è a nostro vantaggio —, o con i nostri vicini territoriali con il governo non comunista, come la Grecia o la Turchia — che anche non è a nostro vantaggio oggi. Certo, noi possiamo compararci con i casi "gravi" come la Serbia, la Cecenia, e altre regioni in cui gli esseri umani si sono massacrati, e noi non lo abbiamo ancora fatto (sebbene ci sono ragioni per questo — la psiche più o meno schiava dei bulgari, che è risultato del nostro giogo turco di cinquecento anni), ma allora perché non confrontarci con il Ruanda, per sentirci meglio?

     Il nostro obiettivo, tuttavia, non è di discutere queste domande ora, ma di chiarire il più possibile il fenomeno del comunismo, che porta con sé tutte le caratteristiche essenziali di una religione, anche se la difficoltà di comprendere ciò nasce dalla nostra prossimità temporale, e un evento sociale deve sempre essere guardato da lontano, come nel caso delle immagini e di altre opere d'arte, dove bisogna ritirarsi un po' per valutare meglio le cose. L'altro ostacolo nel pensare a fondo al fatto menzionato deriva dalla nostra limitata comprensione della religione nel senso, che è mono- o politeista, se c'è una reincarnazione dell'anima o no, se richiede sacrifici o meno (di umani o solo di animali), se i morti devono essere sepolti (e con vestiti o meno), o gettati in mare, o bruciati sul rogo, o imbalsamati e collocati in alcuni edifici (siano essi tombe, piramidi o qualcos'altro), se gli maschi devono eseguire la circoncisione o no, se i contatti sessuali sono consentiti solo tra la coppia coniugale, o tra più persone (più uomini, o più donne, o più delle due specie), e così via e così via. Ma tutto questo è solo una qualificazione delle religioni esistenti, che di solito include solo ciò, che è noto in precedenza, e spesso esclude il nuovo e ancora non ordinato!

     Noi avremmo avuto un caso simile quando abbiamo deciso di definire, ad esempio, l'auto come un apparecchio di trasporto umano, alimentato da un motore a combustione interna, con quattro ruote, e isolando il passeggero dall'ambiente circostante. Questa è una definizione limitativa, perché il veicolo non può usare un motore del genere ma viene messo in movimento da un altro motore, o mosso da pedali, o tirato da una forza esterna (o pure scivolare verso il basso), quindi il passeggero potrebbe non essere affatto isolato, e per quanto riguarda le ruote questo può essere qualsiasi numero, incluso lo zero (se si muove su un cuscino d'aria o galleggia nell'acqua). L'unica cosa che possiamo chiedere da una macchina è spostarsi nello spazio (e forse nel tempo, almeno nella fantascienza questo è possibile), e vorrei ricordare in questo senso che in molte lingue un mucchio di parole, che iniziano con "car- /kar-" e hanno il significato di un movimento come: bulgare karam-guidare o karuza-carrozza, il slavo, arabo, ecc. karavan /caravan-carovana, l'inglese (e non solo) cart /carting, carcass, carry, cargo, il russo karavaj (panino o torta rotonda, come qualcosa che può rotolare), il tedesco kehren-girare, e molti altri, provengono dalla Grecia antica (ma la radice è più vecchia), e piùttosto dal mitico Icaro (che addirittura non correva sulla terra, ma volò nell'aria), dove questa relazione con Icaro può essere confermata dai nomi degli autobus Ikarus e Karossa.

     Va bene, se è così, è meglio iniziare subito la nostra indagine.



     





I. SOMIGLIANZE DEL COMUNISMO CON LE ALTRE RELIGIONI




     0. Definizione del termine "religione"



     E così, proviamo a dare una definizione operativa della parola "religione" come: un completo sistema sociale di nozioni e rituali, basato principalmente sulla fede, e inventato per fortificare e incoraggiare le persone nella loro vita quotidiana, e specialmente nei loro momenti difficili, dando senso alla vita, che altrimenti e privata di significato, da un punto di vista individuale. Questa è una definizione sufficientemente generale e completa che non esclude nessuna delle religioni esistenti, e consente una facile integrazione di nuove religioni. In ogni caso, una definizione più precisa sarebbe restrittiva, come ci dice il parsing di parole simili, come, per esempio: il russo opredeljaju (a definire) si divide in o (intorno) + predel (limite) + desinenza, o il loro ogranichivaju (lo stesso, e graniza è limite), o inglese (cioè latino) define = de + (a fare) finale, delimit = de + (a impostare) limit(i), e altri, ciò viene dalla comprensione che la vita è infinitamente complicata, e noi dobbiamo tagliare qualcosa di essa, per poter prendere il pezzo e studiarlo. Qui continueremo a osservare più di una dozzina di caratteristiche principali del comunismo come religione, che, separatamente, non sono sufficienti per un'ipotesi simile, ma il loro effetto cumulativo conferma pienamente la nostra tesi. Insieme alla loro presenza in varie religioni, osserveremo anche la loro apparizione nella religione comunista, ma consentiamo i parallelismi al nazionalsocialismo e altri tipi di strutture sociali all'immaginazione del lettore.



     1. Fede invece di ragione



     Questa è la caratteristica più importante di qualsiasi religione, ma non è singola, ovviamente. Senza discutere quale delle due cose è più importante, noteremo che l'unica cosa che la ragione può fare in questa direzione è di dimostrare ragionevolmente che Dio deve esistere, dove la parola "deve" deve essere compresa in questo modo, che se non c'è Dio, Egli deve essere inventato, perché le persone semplicemente vogliono che Dio esiste, per avere qualcosa in cui a credere e su qui possa fare affidamento, ciò che la parola "religione" in inglese effettivamente ci dice ("to rely on" denota da affidarsi a qualcuno, or appoggiarsi su qualcosa)! Una simile conferma etimologica di ciò, che viene detto, è nascosta nella parola "pater", che deriva dall'antico sanscrito, dove significa "trave, supporto", e questo è il significato della molto raramente oggi usata parola bulgara pateriza (stampella; le parole possono differire nelle loro terminazioni, ma l'immagine della situazione è importante, perché in sanscrito pater o patir è anche padre, e in latino patera è tazza rituale, ma tutte queste parole hanno la stessa radice). Se si vuole si può trovare altre parole, come inglese father, chi è russo papa (o bashta in bulgaro, o babà in turco, ecc.), e cioè il papa latino, il pastore russo, che è chiamato lo stesso come loro padre (otez, bashtize), il prete slavo, che è (anche) svjashchennik (che significa svjatoj-santo uomo, al quale si va, quando si sente premuto e in cui si può credere), il inglese God-Dio (resp. tedesco Gott), che corrisponde al bene, e direbbe "il Bene (potere)" (tanto quanto il devil-diavolo è una variazione del "the Evil"-Male per la gente comune), e così via. In ogni caso, la religione è per le persone ciò che le fiabe sono per i bambini! Nella religione, le cose non sono accettate perché sono vere, ma al contrario, o ciò è quello che dice la famosa frase latina "Credo perché è incredibile" (o credo quia absurdum in latino), e questo è ... logico, perché ciò che è probabile, ciò che può accadere e può essere provato, questo viene provato, con esempi o inferenze logiche, ma quello, per cui non ci sono prove, può essere accettato solo per fede.

     Nella religione comunista, la gente credeva nella vittoria comunista, nel "futuro luminoso" dell'umanità, nell'affermazione che "tutti gli uomini sono amici e fratelli" e così via. Ma se il bambino assolutamente vuole la sua fiaba (e in realtà non è obbligatorio, che essa è bella, ci possono essere cose spaventose in essa), perché allora la favola comunista sul futuro brillante dovrebbe essere considerata qualcosa di peggio che, ad esempio, il mito della panacea democratica, in quanto entrambe le cose possono essere accettate solo dalla fede, e se la loro realizzazione viene attuata nella pratica, diventano inganni o delusioni? Ciò che conta qui è l'esistenza della fede, non l'evidenza, e se qualcosa non può essere confermato nella pratica, si può sempre trovare una scusa, come quando, per esempio, la persona malata, nonostante le preghiere giorno e notte, non sta bene, questo non significa che non c'è Dio, o che nemmeno Dio può più aiutarla (il che, a proposito, significa che il nostro Dio non è dio, non è onnipotente), ma che il paziente non ha pregato abbastanza ardentemente, o in qualche modo ha confuso le parole di preghiera! Ma notate, però, che più la realtà è peggiore, più la gente crede nelle favole o storie (e cos'altro è lasciato lei?), e non la fede è da biasimare (che la gente crede), ma la realtà (che la costringe a credere)! Vorremmo ricordare che "il fantasma del Comunismo" non è andato dalla Russia in tutto il mondo, ma direttamente dal centro dell'Europa occidentale, eppure in paesi più ricchi (come Germania, Francia, Inghilterra, Stati Uniti, Svezia, ecc.) poche persone credevano nella storia del futuro brillante comunista, mentre in paesi torturati e affamati come Russia, Bulgaria, Mongolia, Cuba, ecc., non c'era altro modo per la gente. In breve, la fede e la ragione sono i due poli della motivazione umana, e dove l'uno fallisce, l'altro succede!



     2. Esistenza di un mondo migliore



     Ogni religione offre all'uomo qualcosa di meglio del mondo esistente, che, come è noto fin dai tempi antichi, è malvagio e ingiusto, usando a questo scopo la nozione di "altro mondo", che viene a compensare le sofferenze della gente su questo mondo. Non importa quali siano le idee del mondo seguente: se si trova nella sfera celeste o nel centro della terra, se si trova in un altro universo, o ancora sulla nostra terra, ma in un altro momento e la nostra anima ha una forma diversa; se questo mondo è con gli dei (sia con il Dio singolo e "triplice", o con un Allah sconosciuto — il cui nome è semplicemente pronunciato come un grido di ammirazione e stupore, da dove il suo nome dovrebbe venire), o le anime, indipendentemente dalla loro comunicazione con le divinità, vivono separatamente da queste ultime (per esempio, preferiscono rimanere nei luoghi in cui hanno vissuto o sono state sepolte o macellate). Ma tutte le religioni sono unanime sulla questione, che l'altro mondo è completamente diverso da questo, e specialmente nelle cose più importanti, cioè: dove questo mondo ha una fine, l'altro è infinito; dove la nostra vita personale in questo mondo può influenzare l'altro, la "vita" nell'altro mondo non può avere alcun effetto su questo mondo, perché il tempo ha una sola direzione; per quanto questo sia cattivo e ingiusto, l'altro è buono e giusto; e ciò che va a "vivere" là non è il nostro corpo contemporaneo, che è solo una conchiglia per la nostra anima, o la parte più importante di noi, ma la nostra stessa essenza, l'informazione più importante su di noi, anche se in una forma diversa.

     Questo, ciò per ogni religione è la vita dopo la morte (o successiva reincarnazione dell'anima), per la religione comunista era il "luminoso futuro comunista". Ma, realisticamente, questa è una visione più contemporanea e progressiva, che richiede meno credenze precedenti, perché ci si potrebbe chiedere se l'inferno esiste e se fa davvero caldo lì (o se è letteralmente così caldo lì, allora come possono le anime sopportare questo; o, se esse possono sopportarle per sempre, come non possono abituarsi a questo fuoco e diventare indifferenti ad esso); o se è così buono ogni giorno da bere la stessa ambrosia (ovviamente qualsiasi doping, ma forse molto peggio del whisky); o se una persona (perdono, la sua anima) dovrebbe essere costretta ogni giorno a partecipare a vari eventi pubblici, accompagnati da recitazioni corali e lodi a Dio; e così via; ma in questo, che i nostri figli vivranno nel futuro, ognuno di noi crede, ed è naturale per lui a desiderare di renderlo migliore del presente (soprattutto rispetto al 20. secolo, per quanto riguarda i suoi "grandiosi" omicidi di massa). E quali sono i nostri figli e nipoti, se non la nostra incarnazione, o il nostro spirito, o i nostri geni, se detto in un linguaggio più contemporaneo? Anche se questo è un linguaggio contemporaneo, ma usando parole antiche, perché: gene, genetica, γυναικα (a leggere 'gineka') o donna in greco, il jin-dzhin da racconti arabi, che era chiuso in una bottiglia, il drink gin, come bevanda che ispira spirito birichino nelle persone, il turco cingibi ('dzhingibi'), che significa flessibile o elusivo, e anche, se volete, il ginseng delle piante (che è zhensheñ in slavo), che parola, dal cinese tradotta, significa "immagine umana" (piuttosto "ombra umana", se dividiamo la parola in sillabe, e cioè perché in russo teñ o señ denota "ombra", che suono più vicino), e altre, sono tutte variazioni sul tema spirito or anima.



     3. Oggetti di culto e templi



     Le nostre concezioni di dei /divinità come oggetti di culto si evolvono in diverse religioni: dalle descrizioni delle loro varie incarnazioni nell'induismo, alle molte divinità della mitologia greca, alla Santa Trinità cristiana, al musulmano Allah, che esiste solo, è sempre esistito, ed esisterà per sempre, e questo è tutto ciò che si può dire di Lui, fino a quando giungiamo al tempo del comunismo dalla metà del 19. secolo, dove Dio semplicemente scompare, come creatore del mondo materiale (superato dalla scienza), ma una traccia di esso è stata lasciata indietro in ogni anima umana sotto forma di coscienza comunista. E considerate che la nozione comunista della non esistenza di Dio, e la visione musulmana che nessuno sa che aspetto ha Dio, (Egli è come qualcosa fuori dal mondo quadridimensionale, se questo è meglio conosciuto per i lettori di fantascienza), e la comprensione degli antichi greci sull'agnosticismo, come l'affermazione secondo cui nessuno può provare o confutare la tesi dell'esistenza di Dio e, di conseguenza, questo è una questione di accettazione o fede, e la prova "geometrica" (cioè assiomatica) di Ben Spinoza, sull'esistenza e le varie caratteristiche di Dio, che da qualche parte circa il terzo libro si rivela di essere sinonimo con la natura, e l'idea usata dai grandi pensatori del Rinascimento che l'esistenza di Dio è una questione di ipotesi, che può essere usata quando c'è bisogno, ma può anche non essere usata — tutte queste affermazioni sono analoghe e praticamente equivalenti. Cerchiamo di chiarire questo punto e aggiungiamo che l'esistenza o il non-esistenza di Dio non può essere provato dagli umani semplicemente per definizione, perché, per quanto Dio è creatura (o sostanza secondo Spinoza) indistruttibile e onnipotente, Egli /Esso può "nascondersi" dagli esseri umani quando e come desidera, in modo che colui, che pensa che Dio non esiste, può commettere errori, proprio come quello, che pensa il contrario! Oppure possiamo menzionare una citazione trovata nell'eredità letteraria di Michael Ende (Momo e altri libri) su un singolo foglio di carta che diceva: "Se l'esistenza di Dio può essere provata, allora non c'è Dio!".

     Tutto ciò dimostra che il rifiuto comunista di Dio, come concetto dogmatico, non significa che sotto il comunismo mancava la pura idea di Dio! Per quanto ne sanno i lettori bulgari, il nostro grande poeta e rivoluzionario Christo Botev ha parlato di un Dio, che in seguito si è rivelato di essere la sua coscienza; allo stesso modo, nella matematica esiste il termine "infinito" come equivalente matematico del sempre esistente e illimitato, in contrasto con le variabili finite che noi usiamo. Allo stesso modo, nella ottica si afferma che la luce sceglie sempre il percorso più breve, che può essere usato come una "prova" dell'esistenza di Dio, Chi va al raggio (qualunque esso sia) a mostrargli esattamente che cos'è questa via più breve, perché il raggio non può saperlo prima che abbia fatto la strada, ma lui va da quella parte dopo averla scelto; o il principio dell'indeterminazione nella fisica quantistica, che afferma che è impossibile conoscere l'esatta posizione e velocità di una particella nello stesso tempo, e se sappiamo una cosa, non possiamo trovare l'altra; così come il principio fondamentale della teoria della probabilità che "la necessità è arbitraria e l'arbitrarietà è necessaria" ci consente anche di coinvolgere l'idea di Dio, che deve concretizzare le proprietà di ciascun caso, e non solo in gruppo. Tutto sommato, c'è molto spazio per i difensori dell'ipotesi dell'esistenza di Dio, così come per i loro avversari, ma il nostro obiettivo era dimostrare che l'assenza di Dio (e persino la sua negazione) può essere solo una questione di definizione (o di gusto)!

     Mentre, però, nel comunismo non c'è Dio, ci siano santi e storie su di loro, così come innumerevoli icone (cioè immagini, busti, e monumenti), e anche edifici di culto (Case di partito), in cui la religione deve essere adorata. Anche se la situazione è tale, che non si può portare il tempio con se stesso, si può deporre il materasso sul pavimento e girare a est (cioè all'origine della vita, perché nello slavo iztochnik è fonte, dove iztok /vostok denota est), e unire sua anima con il suo Dio o santi, che nel nostro caso significa che il comunista tira fuori la bandiera rossa, la appende in un angolo della stanza che chiamerà "Angolo rosso", posiziona una foto del leader accanto ad essa e dirige i suoi pensieri verso il futuro luminoso, quando tutti gli uomini diventano fratelli (o forse non fratelli, perché essi di solito litigano e invidiano poiché hanno sempre qualcosa da condividere, ma allora come comunisti). Ben presto apparvero "sacre reliquie" di importanti comunisti e luoghi speciali (mausolei), dove essi dovevano essere custoditi, e dove la gente può rendere omaggio nella maggior parte degli eventi solenni (come era fatto prima del Mausoleo di Lenin con le cerimonie del matrimonio nel stato "grande e indistruttibile", che è stato ora distrutto). Ma con questo piccolo commento. che questa ironia non è diretta ai comunisti, perché essi hanno semplicemente usato ciò, che tutte le religioni del mondo hanno usato, cioè l'ingenuità e l'irrazionalità umana, così che: chi ride, di se stesso ride!



     4. Fanatismo nell'adempimento del culto



     Gli esseri umani, nel complesso, amano spesso mettere una nozione sopra l'altra e sostenere che solo la loro verità è valida, e in questo senso oggi, forse, il più grande peccato degli esseri umani è la loro intolleranza! Molte religioni non negano l'esistenza di altri dei, ma questo è solo per enfatizzare la loro superiorità! Le persone non si stancano mai di mettere un'idea davanti a tutti, e nella nostra cecità noi non vediamo che persino lo slogan "la gente su tutto" sia obsoleto (per non parlare di "Bulgaria su tutto", per esempio), e esso deve essere sostituito da "natura sopra tutto", che, o ci dà nulla di nuovo (se prendiamo la natura per un altro nome di Dio), o è nonsense-controsenso (se inteso come "tutto su tutto"). Se, tuttavia, parliamo del fanatismo dei comunisti, non dovremmo pensare che esso fosse diffuso tra il "personale di culto", più di quello, negli ultimi anni esso non era molto comune tra loro (il che significa che essi non credevano molto negli ideali comunisti, ma in alcune cose più pratiche, come fare carriere o ottenere benefici personali), così che solo le persone comuni soffrivano di più del loro fanatismo, perché essi non ricevevano ulteriori benefici e, quindi, hanno servito solo all'idea! E il peggiore del 20. secolo è stato certamente lo scontro tra le due religioni fanatiche — il fascismo e il comunismo — che è stato davvero una nuova crociata, ma a causa del potere enormemente aumentato dell'umanità nel secolo scorso, questa battaglia è stata la più sanguinosa e distruttiva. Come mai il fanatismo è considerato, esso è, infatti, il seme più dannoso in ogni religione (a condizione che tutte le estremità sono cattive), ma sono proprio le masse che sono notevolmente suscettibili agli estremismi, non i relativamente istruiti sacerdoti e operai di culto!

     Questo, che esattamente i veri leader del culto non sono tra i credenti più zelanti, tuttavia, non è un nuovo momento in numerose altre religioni, dove molte di queste persone, alcune tanto sincere, e altre solo come tali, pongono a se stessi questioni cardinali come, per esempio, se il loro Dio esiste realmente, e se Egli è così onnipotente e buono, perché fa le persone soffrire per i propri errori (vale a dire un lavoro mal fatto durante i sei acclamati giorni di lavoro creativo, o grande pigrizia nei millenni seguenti). Ma anche nei loro più grandi dubbi sulla veridicità delle Scritture, i sacerdoti del culto sono ancora convinti che questi, forse gli inganni, siano davvero necessari per la gente comune (cioè, per i non-iniziati, laici, o profani)! Infatti, se il bambino non voleva ascoltare favole, i suoi genitori non gli avrebbero detto cose del genere; se il paziente non volesse sentirsi dire che sta bene e non c'è nulla di serio con lui, il dottore non gli avrebbe mentito; se le persone da sole non vogliono sapere che il loro percorso è l'unico giusto e non ci possono essere alcuni dubbi a riguardo (nonostante il fatto che non si può mai essere completamente sicuri che qualcosa sia buono o no, fino a quando esso non funziona, e anche allora questo non è sempre indiscutibile, perché dovrebbe funzionare per un po' dopo quel momento per valutare meglio le cose), quindi i governanti non avrebbero tradito la gente. Il che, a sua volta, implica che il peggior fanatismo non era quello dei comunisti stessi (e ancor meno di quelli di primissimo ordine nella gerarchia), ma della gente comune, che nei tempi antichi aveva causato l'Inquisizione a bruciare le streghe, o gli americani democratici a praticare in larga misura la legge di Lynch, o alcune persone comuni nei paesi comunisti a dichiarare i loro parenti e amici come nemici del comunismo. E non è male se tutti questi, che sono sempre pronti a criticare il fanatismo comunista, prima pensino quale fosse la causa, che il comunismo prendesse vita (certamente il cattivo capitalismo in quel dato momento), e quali erano i suoi seguaci più fanatici (ovviamente, la massa della gente comune).



     5. Penetrazione totale della religione in tutte le sfere della vita



     Questa è la ragione per chiamare il comunismo un ordine totalitario, ma tale è anche ogni religione, fino a quando qualcuno prende l'iniziativa per "stringere le redini", come è stato per secoli in tutto il mondo, prima che ci fosse qualche lotte di massa per la separazione della chiesa dallo stato e dalla vita pubblica. Sotto il comunismo, la chiesa era in un certo senso veramente separata dallo stato, perché lo stato cominciò allora a essere "il partito e il governo", e ha così assunto tutte le funzioni della chiesa, dove la chiesa ufficiale era diventato eretica in qualche modo per la religione comunista. Più di questo, invece della comunione sono apparsi i cosiddetti chavdarcheta (in Bulgaria, dal nome di un capo Chavdar), poi pionieri, ecc. (Komsomolzi in Russia, ma non solo lì), invece di diverse parti del processo produttivo appariva "l'ermafrodito" chiamato "Partito, sindacato, e amministrazione di Komsomol", anche al posto della sepoltura cristiana, emerse un obelisco con una stella rossa a cinque punte e un nuovo rituale di "litania comunista" (questo era, vero, solo per coloro che lo volevano, ma i parenti dei funzionari governativi evitavano di non volerlo). E se queste e altre nuove pratiche non sono riuscite a stabilirsi saldamente (perché ora le abbiamo completamente respinte), non è perché erano peggiori delle altre (a cui ora torniamo), ma solo perché erano più nuovi, perché una tradizione spesso non esiste per il fatto che è migliore o peggiore di un'altra variante, ma perché esisteva come una tradizione (come, ad esempio, molti mariti sopportano molti anni le loro mogli, non perché esse siano tanto preziosi o non invecchiarono, ma solo perché sono abituati a loro; e naturalmente le mogli possono dire lo stesso)!

     La cosa cattiva in queste negazioni consecutive della negazione non è la negazione in quanto tale, ma la sua totalità (anche se questo è, di regola, un momento inevitabile), e poi arriviamo alla situazione per la quale il nostro popolo dice che "con l'arido brucia anche il bagnato". A proposito, per la profondità della penetrazione della religione comunista, così come per la totalità della negazione, si può giudicare in modo eccellente dal periodo post-totalitario del "ribattismo" e dalla accettazione dei nuovi valori (o ritorno al vecchi), in quale processo alcune nazioni letteralmente in nessun tempo hanno rigettato l'indesiderabile, e in questo modo hanno mostrato che per loro sotto la religione comunista c'erano altre (ancora religiose, ma nel senso tradizionale) idee e valori. Queste nazioni ora procedono calme e convinte in avanti. Altri popoli, tra cui è il bulgaro, erano gravemente handicappati, perché la profondità della penetrazione non era affatto minimale, e quel che è peggio, e che si è rivelato, che sotto di essa nelle anime dei bulgari accadeva di essere nulla (vale a dire, nulla di veramente prezioso, per cui vale la pena di vivere e lottare). Tali popoli ora, o si uccidono a vicenda, o ancora si dividono in "unità di combattimento", o stanno appena cominciando a realizzare la pura verità, che non si dovrebbe mai rifiutare una religione, a meno che non ci sia un altra presente, che è più desiderata!

     Quando parliamo della penetrazione totale della religione comunista, non dovremmo trascurare la sua influenza su tutte le arti, che erano, come si dice, ingaggiate o dedicate alla "grande idea". Questo argomento, tuttavia, è stato discusso molte volte, quindi ci accontentiamo di menzionare solo che ogni religione gestisce anche le arti, che devono necessariamente essere moralmente appropriate (secondo le loro canoni), ma questo, senza dubbio, risale al tempo di Omero, perché allora è stato anche accettato che ogni opera d'arte (che si tratti di una scultura, una tragedia, una commedia, un pezzo di musica, ecc.) deve in qualche modo mostrare la vita degli dei; anche i discorsi pubblici, i combattimenti importanti, le feste popolari, i Giochi Olimpici, e altri eventi sportivi erano in qualche modo in accordo con la mitologia. Certamente anche i bambini in età prescolare sanno che i Giochi Olimpici in Grecia sono stati così chiamati in riferimento al Monte Olimpo, dove, come credevano le persone, vivevano i loro dei. E in tal caso, dovremmo chiederci se la religione comunista volesse lo stesso da creatori, artisti, atleti, e persino lavoratori accademici (dove non c'era spazio per la fede e la riverenza)? Più di questo, il comunismo ha, come prima religione scientifica (cioè sviluppata scientificamente), la propria economia, il che non è vero per le altre religioni in tale misura (lì i sacerdoti si accontentarono di prendere la loro decima parte di tutto, ciò che era stato prodotto, ma non hanno né la pratica né la teoria dell'economia, il che, naturalmente, può essere spiegato dalla mancanza di tali scienze nei tempi delle antiche religioni).



     6. Apparenza del personale del culto



     Questa sezione è in qualche modo legata alla precedente, se ipotizziamo che l'apparenza dei lavoratori di culto sia dovuta alla totale penetrazione della religione, ma d'altra parte, ci sono molte istituzioni non religiose che hanno anche determinate norme morali e apparenza (ad esempio, nell'esercito, nei tribunali, ecc.), quindi lo mettiamo come separato. Tipico di ogni religione è l'ascetismo o il rifiuto dei beni terreni in favore di ideali più preziosi del culto. Naturalmente, l'ascetismo del personale cultuale non significa che essi siano "poveri come topi di chiesa", ma non usano per se stessi e per guadagno personale gli oggetti di valore, presenti in possesso dell'establishment della chiesa (chiese, cattedrali, case del partito), ma per obbedire a Dio e "lavorare con le masse"! Ciò significa che non può esserci una religione con influenza che non ha oggetti di valore con alto valore (perché se ha influenza sul popolo, tale influenza è confermata da varie donazioni e tasse, che vengono spesso trasformati in oggetti di valore), e lo stesso esattamente vale per il comunismo, dove l'edificio più grande in ogni città, e nel suo proprio centro, era una preziosa Casa del partito (ovviamente in maiuscolo), e tutti i congressi dal partito si svolgevano lì con molto rumore e solennità (proprio come le festività religiose). Tuttavia, questo non significa che i sacerdoti stessi vivano in case benestanti (rispetto a quelli di commercianti o banchieri locali), o che affondano in abbondanza eccessiva. Al contrario, casi simili di vita prospera tra chierici sono stati sempre criticati da tutti (anche dagli stessi sacerdoti), in modo tale che essi sono solo eccezioni alla regola, e lo stesso è avvenuto per i "sacerdoti" comunisti (dove, se torniamo al nostro parallelo con i commercianti, un'eccezione sarebbe esattamente un commerciante povero).

     Il codice morale dei comunisti era in effetti molto simile a quello degli altri sacerdoti, e ridotto all'asserzione che tutto è vanità in questo mondo, e nulla rimane in futuro, tranne ciò che riguarda l'esecuzione del culto e, di conseguenza, non c'è bisogno di circondarsi di cose materiali, come di solito fanno i non-chierici, ma di pensare a come salvare la sua anima nel futuro. Con questo, però, non si deve confondere l'onore e la riverenza, con cui gli ufficiali di culto sono stati incontrati, così come le varie donazioni ed esenzioni che essi hanno ricevuto (principalmente da organizzazioni straniere), con i loro salari personali e acquisizioni! Molte sono le religioni in cui i loro funzionari ricevono una casa libera, lavoratori domestici, o mezzi di trasporto (e questo vale anche per diverse compagnie), ma con l'abbandono del posto questi privilegi cessano, e esattamente la stessa era la situazione con i quadri comunisti.

     Ma l'aspetto del lavoratore del culto, ovviamente, non è solo morale, bensì anche fisico o esterno e, di norma, è molto diverso da quello della gente comune. Questo è spesso ottenuto con il rifiuto di alcuni tratti personali (come capelli e baffi, per esempio), e con l'aggiunta di "abiti da lavoro" speciali o una gonna uniforme, i cui pezzi devono essere entrambi umili e sottolineare il loro rango. Sebbene i "preti" comunisti non avessero abbigliamento speciale, essi potevano essere facilmente distinti dal loro pettinatura tipo Komsomol. È interessante ricordarvi una peculiarità tipica di tutte le religioni, ovvero che lo staff normalmente taglia i capelli "numero zero" (per enfatizzare il loro stile di vita ascetico), e che è linguisticamente determinato dal tempo di Babilonia. In ogni caso, la parola inglese monk-monaco, sebbene provenga dal greco μοναχοσ, corrisponde alla parola monkey-scimmia, e in bulgaro questi animali sono majmunki (majmuna, in sing.), che va da qualche parte nell'antico sanscrito e nella regione dell'India (perché né in Inghilterra, né in Bulgaria, pullula di scimmie; e d'altra parte, perché gli inglesi dovrebbero ritagliare l'intera prima sillaba della loro parola, dato che in turco essa è maymun, e in greco μαιμον?). In altre parole, i monaci si tagliano i capelli o indossano cappucci e agli occhi delle persone comuni sembrano scimmie; e come ulteriore conferma di ciò vogliamo menzionare il cosiddetto Ordine dei Cappuccini, e un cappuccino è davvero una razza di scimmie. Ma, bene, c'è qualche motivazione per l'aspetto monastico, mentre per altri pettinature contemporanei o vecchio stile non c'è altro motivo, se non l'esibizionismo degli adolescenti (soprattutto), e la mancanza di ragione nel loro comportamento.



     7. Uso comune dei beni o esistenza di comuni



     Le comuni, da cui proviene il nome dei comunisti, non sono un elemento nuovo per nessuna delle religioni. Le persone hanno capito molto tempo fa, che il nostro mondo è un mondo di forti, e l'unica salvezza per i più deboli è che diventano anche più forti per sopravvivere, ma il modo più semplice per ottenere un potere maggiore è riunire molte unità o individui in un'unità più grande e più potente, con obiettivi e compiti condivisi, così come con proprietà comune dei valori materiali, senza i quali la vita è impossibile. A prima vista, questo può non sembrare abbastanza progressivo, o come un ritorno alla società primitiva, ma la razionalità di tale decisione è innegabile, tutta l'evoluzione umana è un ritorno perenne a uno stato precedente, che, da un lato, è necessario per consentire lo sviluppo (non l'esplosione), e, dall'altro, che consente di rivalutare i pro e i contro di una vecchia decisione, perché in questo mondo i pro e i contro vanno di pari passo (o, se volete, possiamo dire la seguente massima: "La cosa peggiore delle cattive idee è che c'è qualcosa di buono in loro — ed è per questo, che esse eccitano le persone, proprio come l'affermazione opposta è corretta, cioè, che la migliore delle buone idee è che c'è qualcosa di negativo in loro — ed è per questo, che le cose cambiano, non rimangono nello stesso posto!").

     Quindi, le comuni erano una decisione naturale della questione per i comunisti, e furono applicate non solo nell'agricoltura — i kolchozi russi (su cui essi avevano l'osservazione buffa: "Il kolchoz è volontario, se tu non vuoi entrarci, ti faremo volerlo!"), ma anche nella produzione, così come nella conservazione dell'apparato del partito, e così via. Uno dei principali errori dei bulgari nella comprensione della democrazia e del libero mercato è stata la sottovalutazione della massa critica di produzione o unità ideologiche, che ci ha colpito come una spada di Damocle, perché nella transizione verso una società con maggiore libertà e autonomia noi non siamo partiti dalla posizione di aggregazione della nostra produzione al momento, ma dal potere dell'individuo, che francamente era pura pazzia (ma cosa dovevamo fare, se diversi "dissidenti-pulcini" hanno "beccato tutti i nostri cervelli"?). La libertà, anche se molto discussa, è un termine molto relativo, e si potrebbe sentire molto più liberi, in modi diversi, in una comune, di quanto noi sentiamo ora nelle condizioni di una mancanza imprevista e miseria, perché l'intenzione di ogni stato è di far lavorare le persone l'una per l'altra (un problema che è sorto con l'emergenza delle prime professioni), e non l'una contro l'altra.

     Se la comune è a un polo, allora l'anarchia è sull'altro, e noi siamo sfuggiti da nessuna comune reale (come, per esempio, Platone nell'antichità ha affermato, dove tutti i bambini dovrebbero appartenere alla comunità, e non dovevano vivere con le loro famiglie), ma avevano saltato direttamente sull'altro polo, solo per riconoscere la necessità del ritiro obbligatorio dalle libertà non necessarie, ma ora sotto i dettami delle ben sviluppate economie occidentali, presentate dal Currency Board, che ha privato il nostro Lev (l'unità monetaria in Bulgaria) della sua libertà, e i lavoratori del loro diritto di volere salari più alti (cioè, il livello di vita almeno dai tempi del regime comunista), e le piccole imprese delle loro possibilità di superare questo mostro chiamato mercato. Perché il non sconosciuto Otto von Bismarck, chi non era affatto un comunista, aveva detto ai suoi tempi che "Il libero mercato sarà sempre un'arma nelle mani di economie più potenti." — qualcosa in quello oggi ci siamo convinti dall'esperienza amara! In breve, la questione non era affatto nell'elusione dei comuni, perché il mondo, in ogni caso, si muove verso di loro (le cosiddette multinazionali, o l'Unione Europea, o la NATO, le varie società e coalizioni, ecc.), ma nella formazione di più ragionevoli e molto motivanti l'individuo gruppi, che era l'obiettivo principale di tutte le religioni, e che giustifica la loro esistenza, nonostante i loro numerosi svantaggi, fino ad oggi.



     8. Dogmatismo e incompatibilità con eresie e altre religioni



     Quanto è semplice accettare qualcosa per fede e senza giudizio, tanto è pericoloso rimanere per molto tempo in stretto confine dogmatico, ma questo è un male inevitabile per qualsiasi religione, il che significa che la religione è dogmatica solo perché altrimenti sarebbe stato molto facile minare la fede stessa! Vorremmo ricordare che in una regione governata dalla fede, non esiste alcuna prova logica o sperimentale che un'affermazione sia vera o meno. Per questo motivo, al tempo della Santa Inquisizione, al fine di mantenere un comportamento sperimentale immaginario, e a causa dell'ambiguità delle streghe, in generale, è stata applicata questa regola, che se la persona condannata è una strega, lei sola, o con l'aiuto di altri spiriti o demoni, riuscirà a sfuggire alle torture, che cosa dimostrerà che essa è una strega, cioè ci sarà almeno una prova unilaterale, e se lei non è una strega — beh, lei (la donna) perirà, ma cosa possiamo fare se non c'è altra via per l'esame; è vero che qui si tratta di un "test distruttivo", ma se essa è innocente, allora almeno nell' "altro mondo" la sua residenza in paradiso sarà "sigillata e timbrata", in modo che lei debba essere anche felice. Se non c'è modo di verificare che la chiesa abbia ragione, allora qualcosa deve essere preso per fede, ed è del tutto naturale accettare che esattamente la chiesa abbia ragione! Ciò non significa che nulla può essere provato o testato, al contrario, si può dimostrare se una dichiarazione può essere dedotta dai libri sacri, dalle varie bolle papali, e dalle decisioni delle convenzioni ecclesiastiche, ma solo questo e niente di più.

     Tale era la situazione anche sotto il comunismo, dove nella scienza, nella tecnologia, in vari sport, nelle arti, nella produzione — dovunque dovevano essere citate le risoluzioni dell'ultimo congresso del partito, come anche quello che ha detto Karlo Markso, Lenin, e il vivente al momento capo a proposito della questione. L'incertezza dei criteri di veridicità è stata sostituita con la sua totale assenza, dovuta alla dogma di infallibilità al vertice! Dall'alto degli anni andati via è molto facile a dire che questo era sbagliato (anche perché ciò era davvero un errore), ma ciò era dovuto alla vera natura del comunismo come religione, in cui la fede era fondamentale, non la ragione; questo è risultato dalla stessa amministrazione centralizzata, dove non si dovrebbe ragionare bensì eseguire (ma non è così nell'esercito?), e si può pensare quando e dove questo è appropriato (per esempio, durante una riunione di partito o un congresso, se uno è abbastanza bravo da mettere la testa sul ceppo).

     Allo stesso tempo, dobbiamo, tuttavia, aggiungere che molti dei mali delle soluzioni dogmatiche derivano dalla mancanza di ragione degli operai cultuali, e non perché è impossibile verificare se una nuova asserzione rifiuta i dogmi fondamentali, e quindi è eretica, perché se le cose siano prese in considerazione più profonda e imparziale, in molti casi si può dimostrare che l'eresia può essere associata al dogma! Così, per esempio, si può sostenere che Giordano Bruno fu bruciato sul rogo inutilmente, perché la rotazione della terra intorno al sole non contraddice l'esistenza di Dio (perché Dio avrebbe potuto rendere l'universo come da solo lo voleva, e non avrebbe volutamente spiegato la verità agli umani, perché sa che essi sono esseri poveri e limitati, e se, in ogni caso, tutto è relativo, questo non è particolarmente importante per loro). Purtroppo, però, è una delle conseguenze indesiderate del dogmatismo che i funzionari di setta diventano loro le prime vittime del dogmatismo (anche se non vittime nel senso di una vita umana, ma solo come fuorviati), perché, naturalmente, questo porta alla perdita della capacità di pensare (se essa non sia applicata nella pratica).

     In questo senso, lo staff settario del comunismo non è riuscito a riconoscere che la cosa più importante era l'idea, la fede, la giustizia sociale, l'integrità nazionale, e la razionalità di questa nuova religione, mentre l' "eresie" della proprietà privata, del sistema multipartitico, della democrazia, del liberalismo, ecc., non sono cose così brutte, se i problemi si affrontano correttamente, perché, ad esempio: la proprietà delle azioni delle date società non cambia il proprietario principale (solitamente il 60 % di ciascuna società è detenuto da una sola persona, altrimenti essa diventa ingovernabile, e il fatto che qualcuno abbia 1/10,000 o perfino milionesima parte di una particolare grande impresa, non influisce sull'intera politica di gestione); la proprietà congiunta non esclude, in linea di principio, la possibilità di concorrenza (che, certamente, rende la produzione meno efficace, ma più adattabile); l'esistenza di varie parti che cambiano sul principio dell'altalena — una trave sostenuta nel mezzo e due persone (qui parti) che si sono sedute alle sue estremità (può esserci anche una terza persona nel mezzo), in modo che quando uno di loro cade, l'altro viene sollevato, e viceversa (ma non perché questo sopraelevato è in qualche modo migliore dell'altro, invece perché quello sotto è il peggiore al momento!) — è un sufficientemente buono modello di governo, e la cosa brutta è solo fino a quando i politici non si abituano all'idea di essere come gli attori di un teatro (o i pagliacci in un circo, se preferite), e se si danno schiaffi, possono fare solo rumore, ma non provocare dolore, o, quel che è peggio, di lasciare che le persone o il paese soffrono; la democrazia è, in ogni caso, una questione di stabilimento legale e un ragionevole compromesso con il governo centralizzato (come dimostrato dall'esperienza mondiale e dal nostro percorso democratico negli ultimi anni) e non è un'eresia per il comunismo; il liberalismo è una questione di momento storico, e ultimamente ci stiamo muovendo nella direzione di libertà sempre maggiori, quindi non c'è alcun problema a legalizzare i matrimoni tra omosessuali (il mondo è sovrappopolato in ogni caso, e se alcune persone non hanno altre preoccupazioni, e per loro è più interessante in questo modo, allora perché no?), nel senso che ciò anche non impedisce le fondamenta del comunismo come religione (e tuttavia ci sono state momenti in cui i comunisti mandavano giovani ragazze a fare i lavori forzati per aver indossato minigonne, e hanno proibito di ascoltare i Beatles); e così via.



     9. Esistenza di un apparato dell'inquisizione



     Se supponiamo che una particolare religione sia giusta, quindi senza qualche organizzazione per costrizione, saremmo giunti alla situazione più ingiusta del mondo — l'impossibilità di forzare la rettitudine! E ancor più un tale corpo è necessario se la religione non è quella giusta (perché se il bene vince davvero, allora essa non prevarrà mai, ma questa è la nostra religione)! Ciò fu compreso dallo staff di tutti i culti religiosi fin dai tempi molto antichi e ha causato la caccia agli eretici e i roghi ardenti, le persecuzioni dimostrative e le inquisizioni, gli omicidi religiosi e l'espulsione dalla chiesa, e altre cose simili. Più contemporanee religioni comuniste e nazionaliste usano anche altri metodi moderni come campi di concentramento e/o camere a gas, e come misure minori (e palliative) — espulsione, rifiuto dell'istruzione, condanne a pene detentive di 5-10 anni, ecc., ma questa parte dei regimi totalitari è stata sufficientemente discussa da molti autori, quindi non è necessario discuterne qui.

     Tuttavia, è necessario attirare la vostra attenzione su un'importante singolarità dell'inquisizione comunista che la distingue dalle altre, e questo è il fatto che la religione comunista non ha posto ostacoli a nessuno per prenderla (indipendentemente da razza, sesso, età, educazione, risorse materiali, ecc.), una cosa che, per esempio, non si applica al nazismo (poiché nessun ebreo potrebbe diventare ariano — senza inganno o segretezza, ovviamente), né un aristocratico dai tempi della rivoluzione francese potrebbe smettere di essere tale e quindi sfuggire alla ghigliottina (che era un'invenzione, di cui i francesi a quel tempo si sentivano molto orgogliosi, e lo trovano molto umano, come oggi alcuni trovano la bomba al neutrone). In questo senso, la maggior parte delle vittime dell'inquisizione comunista sono sufficientemente (anche se questo non è giusto dire, ma c'è una certa verità in esso) vittime delle loro qualità personali (sia una perseveranza nelle loro ambizioni egoistiche, o odio verso i miserabili membri del partito, o una alta autostima, o almeno una riluttanza a sottomettersi ai potenti in questo momento, che è spesso un'indicazione di comportamento irragionevole). In ogni caso, si può affermare con coraggio che in tutti i tempi storici c'è stato un violento apparato di coercizione e subordinazione del governo centrale, dove persino i "più grandi" democratici (o almeno quelli che si vantano così tanto nei tempi presenti), vale a dire gli americani, hanno la loro CIA e FBI, i loro ostentati cause legali e omicidi politici, così come leggi marziali straordinarie per combattere i disordini razziali quando necessario (essi hanno anche combattuti per diversi anni per dimostrare, che i negri sono anche umani — qualcosa che era chiaro secoli fa in tutti i paesi civili).

     Sarebbe molto bello se l'umanità potesse finalmente diventare civilizzata, e cessare di usare crudo potere e imposizione nel governo del popolo, perché questo è il significato della parola "civilizzazione", cioè autorità delle persone civili, e, di conseguenza, non usando la forza, ma in modo colto, con il metodo di persuasione, educazione, aiuto, e così via, però, purtroppo, non esiste — almeno oggi — un paese civile (in questo senso) nel mondo, perché non esiste un paese che non abbia un apparato repressivo per mantenere l'ordine interno, né un esercito, per mantenere, se necessario, "contatti con l'estero"! Sfortunatamente, questa è la verità, e tutto il resto è un'utopia! Quindi la questione dell'esistenza di un apparato inquisitorio dipenda, innanzitutto, dalla popolazione, dopo questo dall'ideologia che difende, e, alla fine, dalla ragionevolezza degli impiegati in questo apparato. La popolazione è estremamente difficile influenzare; se l'ideologia è totale o se è una religione dominante, un tale corpo non può mancare; e per quanto riguarda il suo staff, ci vuole tempo (per cambiare gradualmente le persone, e da loro anche lo staff di culto, perché essi sono, comunque, persone della nazione), qualcosa che è facile da osservare confrontando questo corpo in periodi diversi (ad esempio decenni) di dominio comunista (sia in Bulgaria, sia nell'ex Unione Sovietica, o dove meglio vi piace).



     10. Censura, segretezza e opposizione alla conoscenza



     Per sostenere la fede, l'immutabilità del dogma, cosi come da alcune ragioni morali (che noi chiariremo presto), ogni religione assume l'obbligo di proteggere e censurare le informazioni che possiede. Questo è inevitabile e risale alle antiche religioni orientali, passa attraverso diverse forme di fede cristiana, poi la religione musulmana, e arriva alla nuova religione comunista. Se la religione domina ovunque nella società, tutta la conoscenza deve prima passare attraverso la sua organizzazione, per vedere se non è qualcosa di eretico, e anche se non è così, è importante decidere se è di qualche utilità per le masse, o viceversa. Il significato profondo e, forse, paradossale, per molte persone oggigiorno, della favola biblica sulla mela della conoscenza non è affatto nella loro colorazione sessuale, ma nell'affermazione che la conoscenza non piace a Dio (perché, ovviamente, non è utile per le persone)! Questo è così a causa della stessa natura umana, per la quale la conoscenza di solito non porta felicità, qualcosa che è confermato indiscutibilmente da tutto 20. secolo, per il quale si può discutere se sia progressivo o meno, ma i milioni uccisi parlano di tutto tranne la felicità.

     Certamente, ogni affermazione estrema è pericolosa e, forse, dovremmo spiegare che è meglio dire che qualsiasi conoscenza può essere tanto utile quanto dannosa per l'uomo, o che solo la conoscenza ottenuta prima del suo tempo è dannosa, ma una tale frase sicuramente non ci dice nulla, perché ora non è chiaro cosa significa "prima del suo tempo" e cosa no. E proprio per chiarire questo è la necessità della censura! Nessuna prudente madre vuole permettere al suo bambino di 4-5 anni di giocare con fiammiferi o accendini, o di guardare film horror o masochistici, così come, per esempio, di viaggiare da solo in città; nessuna religione che si rispetti consentirà di distribuire tra le persone materiali, che non hanno ricevuto la sua approvazione! Se si può fare qualcosa su questa domanda, è quello di cercare censori più istruiti e colti, e ancora meglio se la popolazione stessa è addestrata a essere in grado di censurare da sola, con l'aiuto di alcuni istituzioni democratiche, e in questo aspetto la religione comunista ha avuto più da raggiungere. Se la gente, non familiare con il latino, si oppone alla parola "censura", essa potrebbe essere stata cambiata (e questo non è stato chiamato così); se la segretezza consiste solo negli sforzi di non permettere capire che noi siamo rimasti estremamente indietro (come forse era il caso delle nostre organizzazioni segrete), allora non c'era bisogno di segretezza, ma in alcune altre misure; se una certa conoscenza (per esempio sulla fissione nucleare) non è benefica per la razza umana nel suo complesso, devono essere stabiliti alcuni ostacoli alla sua propagazione (in questo caso, per impedire l'acquisizione di tecnologie effettive per produzione di armi nucleari; e non dimentichiamo che i comunisti non erano affatto tra coloro che hanno iniziato a sviluppare piani segreti per la produzione di armi nucleari, né tra coloro che furono i primi a usarli). In breve, il male non è la censura o segretezza stessa, ma cattiva e inappropriata censura e segretezza!

     Il frutto proibito è di solito più delizioso, che è noto dai tempi biblici, e per questo motivo a volte è possibile, attraverso l'uso di alcune censure o divieti sulla diffusione di determinate informazioni, lasciare che le persone imparino qualcosa in un modo piacevole e interessante, semplicemente trascurando la questione e permettendo qualche perdita di informazioni (il che è spesso anche inevitabile). È stato così con la rotazione della Terra, quando qualche tempo è passato dalla scoperta di Galileo, in questo modo è stata mantenuta la lotta contro i dissidenti (dove decido in latino significa cadere, affondare, cioè, queste sono persone, che sono state scartate dal gruppo di quelli stabiliti intorno al tavolo da pranzo dello stato, e quindi erano molto irritati da questo), negli anni '70 e soprattutto negli anni '80 del 20. secolo, e la ben nota perestrojka di Gorbaciov eliminò completamente la superflua segretezza, quando egli ha iniziato a propagare la sua glasnost-franchezza. Il paradosso, tuttavia, è che un decennio dopo la perestrojka la gente cominciò a diventare meno interessata a ciò, che era nascosto prima, rispetto a quando queste cose non potevano essere ufficialmente lette in nessun posto, e in una certa misura persino prima di Gorbaciov, in tempi della lotta con i dissidenti (certamente non ai tempi di Stalin), la popolazione iniziò lentamente e gradualmente ad avvicinarsi a una comprensione moderata del socialismo, proprio come il socialismo stesso non era tale, come nei primi anni della sua esistenza. In questo senso, si può parlare di una tolleranza verso i dissidenti, a causa della percezione della loro influenza positiva sulla società, sebbene non con il potere delle loro idee, ma piuttosto avendo in mente la loro leggera opposizione ai dichiarazioni ufficiali, perché l'olio nel fuoco deve essere gocciolato gradualmente, per prevenire l'emergere di grandi conflagrazioni, perché quando le masse cominciano a negare qualcosa obsoleto, essi, come è noto dalla dialettica della negazione, saltano da un polo direttamente all'altro, per la semplice ragione, che raggiungere la media aurea, sfortunatamente, è una cosa molto complicata per gli umani. Eppure una posizione media è sempre necessaria, che è anche facilmente riconoscibile dalla somiglianza con la libertà sessuale, che non porta a sentimenti più forti, ossia, un paio di secoli indietro, non le gambe nude, ma solo una semplice caviglia da donna, e anche in calzino, ha eccitato gli uomini più che oggi, mi scuso, i seni nudi delle ragazze degli annunci di sesso a pagamento.

     È bene aggiungere al sopra detto anche che l'assenza di istituzioni speciali per censura non significa una mancanza di censura, in generale, perché allora si applica la cosiddetta censura volgare (o comune, vernacolare), con la quale ciò che le persone non amano, non viene propagato; così come la censura della capitale (cioè, si diffonde quello, per la quale qualcuno dà i soldi)! Nessuno, però, può essere sicuro, che ciò, che la gente comune, o le grandi negozi, vogliono, è veramente utile per la gente (prendete come esempio i narcotici), e poi nasce la necessità di alcune commissioni speciali, che devono decidere sulla questione. Così, ad esempio, dai tempi di Freud, in tutto l'Occidente, e ora anche in Bulgaria, fiori e si diffonde (solo che non può portare "frutti") l'onda dell'omosessualità, ma ciò non significa che in Parlamenti diversi, così come tra commissioni scientifiche competenti, non siano stati condotti discussioni intensive (alcune delle quali sono ancora in corso), che hanno riconosciuto che è meglio legalizzare qualcosa di innocuo (per le persone circostanti), piuttosto che vietarlo (al fine di aumentare l'interesse per esso); inoltre, nel mondo sovrappopolato di oggi, questo è uno dei modi per migliorare il controllo delle nascite (una questione che, secondo l'autore, sarà più centrale nel prossimo 21. secolo, a meno che non ci auto-distruggiamo, naturalmente). Allo stesso modo, rimane la domanda sull'erotismo, che, naturalmente, non può sostituire il rapporto sessuale, ma porta buoni soldi, e proprio per questo è considerato legale nell'età moderna. Quindi, mancanza di rispetto alla censura può mostrare solo quello, per il quale essa non è utile, ma questa non è sempre la popolazione nel suo complesso.



     11. Utopismo delle religioni



     Ogni religione
, nei suoi sforzi di cambiare la natura umana, diventa inevitabilmente utopica! Non importa quanto sia forte un'idea particolare, ma se essa inizia con "se ...", non può essere realizzata "fino a ...". A questo riguardo, il comunismo non ha fatto eccezione, perché un essere umano non può non partire dai suoi interessi personali, ma da quelli degli altri (si può anche dire, che la ragione principale per cui le persone soffrono maggiormente in questo mondo non è quella, che essi non si preoccupano dei loro interessi, ma che essi non conoscono i loro interessi); nessuno può esattamente sapere ciò, che è buono per l'altra persona (si capita spesso che questo "altro" stesso non lo sappia, ma egli ha ancora l'opportunità di sentirlo in tempo se ha perso la direzione); in molte lingue c'è la sentenza, che la strada per l'inferno è disseminata di buone intenzioni, cioè che il buon intento porta raramente a buoni risultati. Allo stesso tempo, tuttavia, le utopie esistono da tempo immemorabile, perché le persone non possono rifiutare tutti gli ideali, solo perché essi sono impossibili da realizzare! Le persone hanno bisogno degli ideali come pietre miliari nel loro movimento nel tempo, e non si preoccupano affatto che quelli non siano la realtà, o in altre parole: non si può essere realtà senza ideali e utopie, almeno allo scopo di distinguere l'uno dall'altro.

     Nei primi momenti del collasso del socialismo comunista, molti comunisti pensavano (o almeno fingevano di aver pensato cosi) che gli altri volevano togliere la loro idea, ma questo era pura demagogia, perché un'idea semplicemente non può essere portata via, poiché essa non esiste nella realtà (cioè esiste solo come un'idea)! In questo senso, anche il fallimento del socialismo reale (cioè il sistema comunista globale, perché alcuni possono sostenere che ciò non era ancora comunismo) non solo non ha tolto l'idea utopistica comunista, ma al contrario — ha separato l'idea dalla sua realizzazione, per preservarla per il futuro! In breve, l'utopismo stesso dell'idea comunista (al contrario del capitalismo, che è pura realtà, perché non c'è assolutamente alcuna idea) è una delle prove più forti dell'affermazione che il comunismo sia una religione! Anche se si mette un po' di più sforzo a pensare, nella molto acclamata ora democrazia ugualmente non c'è idea, per la stessa ragione, perché la democrazia è solo una questione di regolamentazione legale e rispetto della legge (ma, in una situazione di totale penetrazione dei mezzi di informazione — e quindi, a proposito, l'uomo di oggi si chiama in Occidente homo mediaticus — non osservare le leggi per un tempo più lungo è semplicemente impossibile). Tuttavia, per quanto l'idea non è ostacolata dalla realtà, e viceversa, non ci sono problemi per una coesistenza pacifica della religione comunista e della realtà democratica.



     12. Rifugio per i deboli



     Qui è il luogo per ricordare lo slogan "La religione è oppio per il popolo", che è noto sin dal Rinascimento, ed è valido ancora oggi, solo perché è vero! La religione, come abbiamo detto all'inizio, è una cosa su cui ci si appoggia quando ha bisogno di sostegno, perché ha perso ogni consolazione ed è in una situazione senza speranza, e proprio allora all'ammalato viene dato l'oppio per evitare il dolore (causato dalla realtà). Di conseguenza, questo è un paragone perfettamente normale e utile, o meglio, la religione è proprio quell'oppio di cui la gente ha bisogno (e se alcuni funzionari di setta non lo capiscono, tanto peggio per loro)! In altre parole, questo è esattamente il rifugio per i deboli, ma le persone sono deboli, come ha detto il nostro Dio, quindi perché non cercare consolazione? In questo senso, la religione comunista era un rifugio per il debole, indebolito da due disastri nazionali, povero e piccolo popolo balcanico, per i cosiddetti bulgari. Questo è il motivo principale per cui queste persone credevano in questa nuova religione, alla quale non credevano né l'inglese, né il francese, né i tedeschi, né gli americani, ecc. ecc. Il che significa che la fede mette radici dove la vita è infelice e miserabile e le persone cercano la fede, così che forse c'è possibilità per i bulgari, nei tempi democratici di oggi, di diventare veramente credenti, dopo essersi persuasi che anche il capitalismo è cattivo (o, come alcuni dicono, ha risposto Radio Yerevan alla domanda "C'è vita sulla luna?" — "No, non c'è neanche lì!").

     Allo stesso tempo, non dobbiamo confondere la negazione dei comunisti di tutte le (altre) religioni con l'affermazione, che il comunismo è anche religione, poiché il primo è semplicemente un requisito inevitabile (come noi abbiamo detto). Non c'è religione nel mondo che, pur riconoscendo le altre religioni e loro divinità, non dica che essa è il migliore e che i suoi dei e santi sono i più autentici. E non pensiamoci, che se i comunisti dicono che non c'è dio ma una natura, questo cambia le cose in modo sostanziale (come discusso nel punto 3). In generale, non crediamo che gli atei siano infedeli, perché, secondo il principio di agnosticismo, gli atei semplicemente credono che non c'è dio, ergo, essi sono credenti! E per quanto riguarda l'intolleranza dei "preti" comunisti, si può affermare, che nessuna religione può vantarsi di non essere arrivata alle estremità (e anche a quelli molto più grandi dei comunisti) nella persecuzione di altri credenti (anche l'islam, come religione relativamente moderata e tollerante, secondo varie spiegazioni, ha le sue guerre religiose, per non parlare delle sanguinose crociate cristiane, delle notti di Bartolomeo, ecc.). Il non credente o l'infedele, come spesso si dice, è uno che crede nel nulla e vive solo per il presente e per se stesso, senza pensieri sul futuro, che in nessun modo si applica ai comunisti. E che essi non hanno cercato rifugio in altre religioni — beh, essi hanno il loro rifugio dove rafforzare il loro spirito! In una certa misura essi erano deboli (se credevano), ma allo stesso tempo erano più forti dei cristiani o dei musulmani, ad esempio, perché credevano nel più plausibile.



     13. Ostacolo di progresso e stagnazione nell'evoluzione della società e personalità



     Dopo tutto quello che era stato detto, è chiaro che ogni religione, se si oppone alla ragione e alla conoscenza, ostacolerà il progresso (per quanto che non sia chiaro se esso porterà felicità o no). Allo stesso modo, ogni religione ferma anche il regresso, cioè provoca stagnazione nella società. Ma non era la stessa situazione di completa (o totale) stagnazione del progresso e dell'evoluzione in tutto il mondo occidentale dopo la massiccia penetrazione del cristianesimo, e non per alcuni anni, non per alcuni decenni, nemmeno per uno-due secoli, ma per più di dieci secoli — ovviamente riconosciuto da tutti ritardo, della durata di molti secoli, per milioni di persone (qualcosa come il letargo degli orsi), che in retrospettiva ha giustificato la denominazione di questo nuovo tempo come Rinascimento in italiano /francese (letteralmente "nuova nascita", una sorta di resurrezione)? Ma poi, vieni a pensarci (o anche non pensando molto, ma solo guardando come terribilmente veloce ora, intorno al 1996, le cose in Bulgaria cambiano, così che diversi Parlamenti non avrebbero potuto terminare i loro mandati), si deve inevitabilmente arrivare alla conclusione, che non invano l'esclamazione: "Oh, tempo, aspetta, il momento è così bello!" è stato conservato fino ai giorni nostri, perché ciò, che è buono, sarà preservato (di solito, sotto condizioni democratiche, ma, se non così facile, anche sotto la dittatura o tirannia), quando ciò, che cambia molto rapidamente, non risulta essere molto buono (perché, se fosse buono, non sarebbe cambiato così rapidamente, è vero?)!

     E non era lo stesso nei proverbiali "anni di stagnazione" nei paesi comunisti? In ogni caso, la stagnazione è inevitabile per qualsiasi religione dominante, perché il governo totalitario o almeno centralizzato è il più efficace, e l'obiettivo di qualsiasi governo, sia nell'animale o nella macchina (come dice la cibernetica), è di preservare le condizioni, lo stato quo! Cosa deve dire, che non c'è niente di strano nel fatto, che il comunismo avevo causato ritardo (perché questo è l'obiettivo di ogni religione), ma che sarebbe stato strano se esso non fosse così, e che, generalmente preso, questo sistema ha eseguito molto bene il compito di raggiungere stagnazione. C'è, tuttavia, qualcos' altro in questo caso, che è importante, e cioè che non esiste una risposta innegabile alla domanda, se una stagnazione è qualcosa di buono o cattivo, e tutto dipende dal caso particolare e dai criteri stabiliti (confrontare, per esempio, il contenimento nell'armamento incessante, o il ritardo dello sviluppo di una particolare malattia, o l'avvicinamento dell'età, risp. la fine della civilizzazione, in quale momento viviamo oggi, perché le civilizzazioni nascono e muoiono, come tutti gli esseri viventi). Rispettivamente, il progresso può anche essere buono, ma può ugualmente essere molto brutto, però questa è la dialettica dell'evoluzione.

     Simile alla questione dello sviluppo della società è la questione dello sviluppo della personalità, nel qual caso ogni religione (di nuovo), come un sistema sociale che unisce le persone non solo territorialmente ma anche nel tempo, sopprime inevitabilmente l'evoluzione della personalità individuale nell'interesse della società (perché la personalità se ne va e la società è ciò che rimane). Questa domanda è stata discussa molte volte e l'unica cosa che si può fare è cercare sempre lo stato di equilibrio necessario tra interessi personali e comuni, ma a tale scopo la persona deve in qualche modo liberarsi dalle preoccupazioni quotidiane e inevitabili per la sua sopravvivenza, e preoccuparsi del suo sviluppo e dell'auto-miglioramento. Ciò deriva dalla comprensione che l'uomo è un animale sempre in cerca (wanting animal in inglese, ma gli slavi, a proposito, si vergognano di essere chiamati animali, e usano sempre la parola "essere vivente" o creatura), e ha cinque livelli gerarchici, che dal più basso al alto, sono: cibo, riparo, propagazione del suo genere (che, dal punto di vista dell'individuo, è principalmente ridotto al sesso), espressione personale (cioè fare carriera, o trovare un posto adatto sotto il sole — o la luna, per i musulmani), e alla fine sviluppo e auto-miglioramento. L'autore non pensa che gli ideologi comunisti erano al corrente esattamente di questa gradazione, ma le conclusioni sono le stesse, vale a dire: soddisfazione dei tre livelli più bassi e differenza tra individui solo nei due livelli più alti. E per quanto la soddisfazione è sempre una questione di equilibrio tra desideri e abilità, ci sono due metodi fondamentalmente diversi per il raggiungimento di questo risultato: o limitando i desideri, o allargando le abilità.

     Non dobbiamo preoccuparci di nascondere il fatto, che i comunisti preferiscono limitare i desideri, ma questo è dovuto alle loro capacità, perché: era più facile dire che nessuno dovrebbe essere un carrierista, o se lo desidera, lascia che faccia la sua carriera, ma prima nei ranghi del partito; era più facile se i negozi erano scarsamente riforniti, così che si rallegrava quando a volte (durante le grandi feste) si poteva trovare qualcosa di meglio; era più facile rinunciare alle sue ambizioni per benefici materiali, come mezzo per la propria espressione personale, e in questo modo trova una buona auto-espressione solo in ciò, che il Partito e Governo gli hanno lasciato come possibile; e così via. D'altra parte, comunque, il capitalismo non si preoccupa affatto degli esseri umani, a meno che i ricchi non siano costretti a prendersi cura delle loro proprietà, e se si scopre che essi sono interessati anche ai deboli (per eliminare lo spargimento di sangue non necessario, perché se non hai niente da mangiare, sei capace di tutto), o per la costruzione di un più ampio gruppo di cittadini "di mezzo" (che devono avere abbastanza soldi per spenderli nell'interesse dei ricchi) — beh, è molto meglio cosi. In ogni caso, le maggiori possibilità di espressione personale sotto il capitalismo (e questo solo se è ben maturato), rispetto ai tempi del governo comunista, sono spiegati non con alcune migliori qualità dell'ordine sociale, o con particolare cura per lo sviluppo della personalità, ma solo con meglio sviluppate economie dei principali paesi capitalisti (che per questo motivo sono chiamati "leading")!



     14. Obiettivo principale: la felicità della gente



     Ogni religione è stata inventata
ed esiste per dare alle persone una certa felicità, e i loro simboli principali (la croce cristiana, la mezzaluna musulmana, la svastica fascista, la stella rossa comunista, ecc.) sono tutti simboli di felicità. Le danze intorno al fuoco, che sono state eseguite da vari maghi e sciamani nei popoli primitivi, i segreti religiosi degli antichi greci, i rituali ecclesiastici, le feste e i carnevali di ogni religione, cosi le riunioni di massa comuniste e nazionalsocialiste, sono inventati soprattutto per portare un po' di divertimento alle persone, e con suggestione (o inganno, che è praticamente la stessa cosa) di contribuire alla loro felicità. Contrariamente al senso comune, che richiede di cambiare l'idea, quando essa non è d'accordo con la realtà, il fanatismo religioso richiede di cambiare la realtà con la sua rassomiglianza chimerica!

     L'induismo, ad esempio, giunto alla conclusione (e molti secoli fa) che l'amara esperienza pluricentenaria dell'umanità mette in discussione l'importanza del progresso materiale, decide che la realtà materiale si deve semplicemente sostituire con una non materiale (e che, secondo lei, potrebbe essere facilitato ripetendo "Rama-Rama ..." o qualcosa di simile molti centinaia di volte), e in questo modo, attraverso la meditazione, era possibile a raggiungere la "verità assoluta" (o il puro amore per Dio). A simili allucinazioni sono arrivati anche diversi seguaci del cristianesimo dopo diete di lunga durata sull'acqua e sul pane, che alla fine possono essere accompagniate di auto-tortura. Un analogo significato di conforto con vostra medesima coscienza è la proverbiale regola cristiana che, se vi schiaffeggiano su una guancia, voi dovete porgere anche l altra, perché il mondo ha sofferto abbastanza a lungo dall'escalation di violenza (e questo venti secoli fa, e cosa dovremmo dire ora?), e se potete ingoiare l'insulto, vi sentirete voi stessi meglio dopo.

     Il medesimo "universo trascendentale" è stato seguito dal comunismo come religione — la creazione di un tale ambiente in cui ognuno sarà amico e fratello dell'altro, e dove, se non esattamente noi, ma almeno i nostri figli, saranno felice. Questa era pura manipolazione, ma nell'interesse degli uomini e per la loro felicità, dove il Capo Supremo si comportava come avrebbe fatto il buon dottore, che non dice al paziente la verità sulla sua condizione, e quindi esercita una positiva influenza su di lui (inoltre, il suggerimento è un metodo ben noto per cure mediche). La menzogna o l'inganno, o, meglio ancora, l'auto-inganno, è un modo comune per raggiungere la felicità tra i credenti, e sebbene ciò sembra piuttosto strano, dal punto di vista della ragione, questo aiuta davvero molto spesso, così che sottolineiamo, che non è così importante se siamo stati manipolati (perché anche i media di oggi lo fanno, e sono molto abili in questo), ma in che interesse ciò viene fatto.



     15. Moralità religiosa



     Ogni religione è inevitabilmente morale
e richiede dai credenti un tale comportamento, che può essere descritto come regole per buona convivenza. Di solito si sa cosa è buono per una persona in un dato momento, ma come essere limitato, l'uomo non può comprendere tutte le altre persone (o anche tutta la natura e l'ambiente), né tutte le generazioni precedenti e future, così che questo è l'obbligo morale più importante della religione: di far sentire l'individuo parte di tutta la società, o come un frammento di realtà, che galleggia nel flusso del tempo! Forse in questo posto noi dobbiamo dare, di passaggio, una definizione non limitativa del termine "morale" come: un sistema di regole inventata per unire le persone nel tempo e nello spazio. Se guardiamo ora più precisamente alle cose, si scoprirà che l'unione delle persone nello spazio può, in ogni caso, essere raggiunto (almeno con forza), ma dinanzi al tempo, senza religione (o alcune primitive norme morali) l'umanità si sente semplicemente confusa! Un gruppo di persone, che non sono unite nello spazio, vengono normalmente chiamate "selvaggi" (perché possono azzannare le loro gole come un branco di lupi — sia per una donna, sia per un osso, o semplicemente per mostrare quali "eroi" essi sono), mentre un gruppo di persone che non sono uniti nel tempo viene spesso definito come "barbari", cioè come miscredenti (perché non sanno come comportarsi per lasciare una buona memoria per se stessi, né sono convinti che debbono lasciare un ricordo di se stessi).

     È abbastanza evidente, che, come religione, il comunismo ha fatto tutto il possibile per unire le persone nello spazio e nel tempo, riuniti sotto l'obiettivo comune di costruire il comunismo (se possibile in tutto il mondo). È stato questo unione tramite una rivoluzione mondiale (o usando alcuni conflitti armati esistenti o una guerra mondiale), o attraverso un'evoluzione graduale, dipendeva dalla situazione specifica del momento. Questa unità, però, non ha stabilito differenze innate tra le persone, in modo che il comunismo sarebbe sorto anche sulla luna, se la situazione fosse stata appropriata. Ma non hanno i missionari cristiani fatto davvero un giro del mondo a loro tempo (e anche ora, per ogni situazione utile, non provano di nuovo questa possibilità)? E se un sistema sociale contiene anche la moralità, niente lo ostacola a diventare dominante (se è permesso), come ci sono stati governi religiosi in diversi tempi e paesi per secoli, quindi il comunismo non ha creato un precedente in questo aspetto.



     Terminiamo ora con questo le molteplici somiglianze del comunismo con le religioni convenzionali e continuiamo la nostra investigazione.





     



II. DIFFERENZE TRA IL COMUNISMO E LE ALTRE RELIGIONI




     Il nostro obiettivo principale era di mostrare le somiglianze del comunismo con le altre religioni, poiché le differenze sono facili da osservare, ma per completezza della discussione menzioniamo anche le principali differenze.



     1. Non c'è Dio



     Sotto il comunismo, come abbiamo detto, non c'è Dio nel senso ordinario della parola, cioè come creatura fatta secondo l'immagine e la somiglianza dell'uomo (non importa se con due o quattro mani, o a quali incarnazioni è capace, o per quale metodo si riproduce — è questo per espirazione, o per produzione da qualsiasi parte del corpo, o, come lo Spirito Santo, per mezzo di "impianto" divino in un corpo umano), ma c'era ancora l'idea di qualcosa di eterno e dappertutto esistente, imperituro e indivisibile, che governa il mondo, dalle più piccole particelle alle galassie cosmiche e ai buchi neri, attraverso varie leggi della natura (per gran parte delle quali non sappiamo né come, né dove sono scritti), e cosa fa la relazione tra il passato e il futuro. Ma, alla fine, qual è la differenza, se parliamo della "parola", o dell'idea, o delle leggi della natura, o dell'informazione, quando tutto questo è solo un lato delle cose, e la materia o l'esistenza è l'altro? Affinché la materia esista, ci devono essere informazioni su come essa deve essere connessa, come dovrebbe funzionare, e come dovrebbe evolversi nel tempo, e per mantenere l'informazione, ci devono essere oggetti naturali su cui essa deve essere scritta e trasferita. Questi sono i due lati del nostro mondo, e con quali simboli li chiameremo, non ha alcun significato fondamentale.



     2. Non ci sono miracoli



     La natura (come un dio comunista) non ha bisogno di miracoli per convincere la gente che essa esiste! Le religioni tradizionali hanno bisogno di miracoli, perché dovrebbero far credere alla gente che i loro dei sono autentici, poiché possono fare cose che vanno oltre il potere degli esseri umani (ad esempio, cambiare il loro aspetto e reincarnarsi negli altri esseri, o dare nuova vita, perché portarla via possono anche gli umani, o camminare sulla superficie dell'acqua, o volare in aria, ecc.). Il dio comunista, come un dio totalitario, non solo può essere ovunque, vedere e ascoltare tutto ciò che vuole, premiare o punire chiunque desidera, ma lui è semplicemente ovunque e in ogni cosa, perché la natura contiene tutta la materia! Per la sempre curiosa anima umana, non c'è bisogno di favole, perché la realtà è più meravigliosa di tutto, ciò un essere umano può immaginare, e così la religione comunista non ha nessuna necessità di meraviglie per persone dalla mentalità semplice. È vero che questa assunzione (che gli umani non sono ingenui o elementari) è molto coraggiosa, ma non dimenticate che il comunismo, dopo tutto, proviene da circa un secolo e mezzo, l'islam — da circa 13, e il cristianesimo — da 20, e ci sono anche religioni più antiche, e l'illuminazione multilaterale della gente oggi è molto più alta del livello di secoli fa, così che se i comunisti avessero creduto nei miracoli, questo avrebbe costretto le persone a non credere ai comunisti stessi!



     3. Non ci sono preghiere



     Se Dio è veramente onniveggente e onnipresente (e se non lo è, questo vuol dire che non è Dio), Lui deve sapere abbastanza bene chi crede in Lui (se questo è per Lui di qualsiasi importanza), il che implica che Dio non ha bisogno delle nostre preghiere, che rivolgiamo a Lui! Non c'è nulla di apocrifo in questa asserzione, e se ciò non è molto popolare tra i credenti, questo è per il loro bene. In ogni caso, le preghiere sono solo per i fedeli per due motivi: in primo luogo, come autosuggestione, per calmare le loro anime, e semplicemente come un modo per trovare tempo per riflettere su ciò che è bene e ciò che è male; e in secondo luogo, per convincere gli altri che essi sono degni credenti, e se è così, ci si può fidare di loro, cioè per pura ostentazione! In questo senso, se uno non si cura molto delle opinioni degli altri, si può pregare anche a casa (davanti al crocifisso o, se volete, la bandiera rossa), e se egli guida i suoi pensieri a Dio ogni sera prima di addormentarsi, egli può non pregare affatto nelle ore stabilite (e per l'islam, per esempio, queste ufficialmente fissate ore impediscono il normale ritmo della vita di oggi). Tuttavia, per quanto la religione comunista ha i suoi vari mezzi per esercitare le pretenziose azioni dei credenti in essa (ad esempio incontri di partito, dimostrazioni, manifestazioni, subbotniks di Lenin — quasi compulsivi sabati di lavoro — ecc.), così come abbastanza modi per insinuazioni e manipolazioni politiche della coscienza, si è scoperto che le preghiere erano diventate completamente superflue! Ma c'era anche, certamente, il fattore psicologico, che si può difficilmente pregare di fronte a qualsiasi sostanza astratta o natura, perché in qualche modo si deve chiamarla, e per questo motivo le preghiere sono state sostituite con i discorsi e le riunioni di cui sopra.



     Potrebbero esserci anche altre cose che sono presenti nelle religioni tradizionali ma assenti da quella comunista, però questo non è fondamentale, come anche non è a causa della mancanza di pensiero da parte degli ideologi del comunismo, ma è per questo che la religione ha avuto relativamente breve tempo, il che non è abbastanza per stabilire buone tradizioni. Quindi, forse, si sarebbe potuto pensare di più alla questione della tradizionale uniforme dei cultisti comunisti, magari con qualche trucco, o segni sulla fronte, o sulla mano destra (sinistra), ecc.; dovrebbero essere stati sviluppati rituali migliori per nascite, matrimoni, funerali e altri momenti importanti della vita umana; potrebbe anche essere qualcosa di simile alla santa comunione (una "capsula temporale", per esempio, come una piccola pillola rossa, ma per il quale si sarebbe potuto credere che aiuta a stabilire i contatti della persona tra generazioni passate e future); e altre cerimonie legate alle stagioni, che devono contribuire alla conservazione dell'ambiente e della salute umana, e sostituire i tradizionali digiuni, le uova rosse, i kurban-bayrami, ecc. (perché non avere, ad esempio, alcune celebrazioni della "Trasformazione della materia", carnevali della "Discesa della scimmia dall'albero", una festa di "L'invenzione della Ruota", un "Processione dei geni", e così via?); avrebbe potuto essere sviluppato e approvato un certo standard per le culturale case del partito (il cosiddetto stile di Stalin o il gotico comunista, come una variazione dell'ampiamente diffuso sull'Occidente gotico, era un buon inizio, ma avrebbe dovuto essere canonizzato e fissato, diciamo, che l'edificio deve avere sempre cinque ali o cupole, poste come i raggi di una stella, e in ogni ala viene costruita una sala centrale a cinque lati, ecc.); è stato necessario sviluppare ulteriormente e migliorare i simboli, inventando anche un saluto speciale (perché non con l'apertura delle dita della mano, giacche mostrare a tutti il pugno, è almeno non molto adatto), e così via e così via. Come è stato già detto, la fede non ostacola la ragione e viceversa, ed è ingenuo credere che la persona contemporanea colta non avrebbe accettato alcuni rituali interessanti e piacevoli (come i rituali di altre religioni) senza crederci, ma proprio come simboli, carnevali, processione, ecc., anche se questa è una questione di ulteriore sviluppo di questa nuova religione.





     



III. PASSATO E FUTURO DELLA RELIGIONE COMUNISTA




     In questo capitolo è conveniente guardare alla religione comunista, come si dice, nella dinamica della sua evoluzione. Ma prima, dobbiamo chiarire che questa cosa non sorge nel tempo dell'elaborazione teorica del comunismo di Karl Marx, chi fa solo una previsione che, se ci piaccia o no, ma lo spirito del comunismo viaggia in tutto il mondo, e se prendiamo questo in considerazione, ci risparmieremo molti conflitti sociali non necessari! Questo comunismo marxista non ha nulla a che fare con la religione che abbiamo studiato, perché la maggior parte delle caratteristiche discusse erano assenti, ad esempio: esso non si basa sulla fede; Marx non parla del futuro comunista come qualcosa di distante e irraggiungibile, ma come dipendente dallo sviluppo delle forze produttive su scala globale (qualcosa che già ora è praticamente compiuto in vari paesi occidentali, tranne che loro non lo chiamano così, ma nel il caso migliore usano la parola "socialismo" come più tenero); egli non ha affatto pensato agli oggetti di culto, alle case del partito e ai mausolei; né al fanatismo dei comunisti; nemmeno al totalitarismo di questa ideologia e la sua penetrazione nello sport, nella scienza, ecc.; non ha pensato al pettinatura di Komsomol (nemmeno alle Komsomols, prima di tutto) e ha portato una barba grande e capelli che gli piacevano; non c'era poi una sola parola sul corpo inquisitorio, perché egli non ha cercato di governare un paese (ma di prevedere lo sviluppo della società); né sulla censura; né riguardo al rifugio per i deboli; e così via. Se Marx non ci ha detto cosa succederà dopo il comunismo, ciò non significa che egli abbia desiderato una stagnazione nella società. Così che dalle caratteristiche delle religioni elencate sopra, è rimasta solo questa, che egli non ha nulla contro la felicità della gente, e, naturalmente, ha desiderato che le cose più preziose della morale del popolo fossero conservate anche nel comunismo!



     1. Il leninismo — inizio della religione comunista



     Il leninismo, o il "comunismo forzato" (anche rivoluzionario, dittatorio, obbligatorio e altri simili epiteti) è ciò, che determina l'iniziazione della religione comunista. È ingenuo insistere che Lenin abbia riconosciuto di aver fondato una nuova religione — egli forse ha voluto solo ottenere un'influenza più forte sulle masse —, ma si può affermare con coraggio che egli è stato il primo "papa comunista", cosi come il primo santo e martire comunista. ( In generale, cose simili accadono spesso, e, per esempio, ci sono pochissimi padri che hanno fatto deliberatamente e coscientemente i loro figli — essi avevano, presumibilmente, solo il desiderio di rendere più felici i loro cari, se parliamo in modo più gentile. ) Con l'emergenza del primo stato comunista, tuttavia, e in condizioni di grave reazione da parte di tutti gli altri (ma molto meglio sviluppati) paesi capitalistici, su un territorio e con una popolazione sufficiente per un impero mondiale, e con ambizioni personali (i risultati insoddisfacenti, raggiunti da suo fratello nei suoi sforzi per qualche movimento sulla via del progresso in questo — non c'è bisogno di essere troppo modesti in tali casi — arretrato impero solo con mezzi terroristici), la "povera creatura" non ha avuto altra scelta che applicare tutto il meglio della millenaria storia delle dittature mondiali nel governo delle grandi masse umane! Ma cosa si dovrebbe fare se le persone non vogliono fare ciò che è per il loro bene? Se un bambino non si comporta (e il comportamento dell'intera popolazione differisce, a proposito, solo marginalmente da quello dei bambini), egli deve essere punito, giusto? E per avere non solo punizioni ci devono essere anche alcune favole (come tutte le possibili favole democratiche, che ci dicono questi giorni), cioè fede o religione (e ricordiamo qui che il saluto fascista "Heil", e letto come 'hail', è la radice del tedesco heilig, che significa santo, sacro). È così, purtroppo, perché l'uomo può essere costretto a fare qualcosa, che non vuole fare (ma deve farlo), in due soli modi: o con costrizione, o con delusione (e ancora meglio in entrambi i modi allo stesso tempo)!

     Così che nulla in questo mondo avvenga immotivato, o meglio, secondo la tesi della teoria della probabilità: "La necessità è arbitraria, e l'arbitrarietà è necessaria"! Se la situazione politica ed economica in Russia non fosse stata così impietosa per il popolo un secolo fa, e soprattutto durante la prima guerra mondiale, allora Lenin non sarebbe arrivato al potere (e lo stesso si può dire di Hitler in Germania e in molti altri casi simili — a proposito, questo alias nome significa che Hitler era solo ... un hit, la cima, e altrimenti lui si chiamava Hucklegruber, credo, che suona molto grubo in slavo, o grob in tedesco — greggio). Se la popolazione russa non fosse stata così molto indietro in aspetto economico e sociale, rispetto all'Europa occidentale, Lenin non sarebbe stato costretto a inventare una nuova religione, quando il tempo delle religioni era stato passato molto tempo fa (più precisamente, era passato il tempo delle dominanti, o mescolati con lo stato religioni totalitarie). Se le idee e i metodi di Lenin non fossero l'unico giusto per il loro tempo e luogo decisione, non sarebbe venuto il seguente "santo d'acciaio" chiamato Stalin (perché il suo pseudonimo, a sua volta, deriva dall'acciaio, che è stal in russo, ma viene da tedesco Stahl-acciaio), chi si sente obbligato a continuare con queste azioni, fermamente, decisamente, e fino alla fine! Perché lo stalinismo è stato un leninismo consecutivo, che cominciò ad aumentare la sua velocità da qualche parte nel tempo della cosiddetta NEP (Nuova Politica Economica), quando divenne chiaro, che questa nuova politica poteva elementarmente rovinare questo grandioso (davvero) esperimento sociale, che era in corso (come successe 60 anni dopo, quando ai tempi di Gorbaciov fu fatto un esperimento simile, ma allora le condizioni erano diverse e ciò era possibile, o avrebbe dovuto essere consentito)! Certo, è chiaro a tutti che lo stalinismo era, ed era stato ricordato, con qualcosa molto più di un leninismo consecutivo, che esso si è trasformato in una rigida dittatura individuale, e noi non stiamo cercando qui di giustificare il comunismo, perché ha permesso l'emergenza di un potere individuale illimitato, ma negli anni '20 e '30 del 20. secolo molti comunisti credevano davvero che il NEP fosse un serio ritiro dal comunismo (anche se questo era un ritiro necessario dalle estremità — ma è possibile che un popolo può mai rifiutare le estremità?).

     Ecco come era stato necessario avere fede anziché ragione (perché il marxismo era solo razionale); come sono nate le favole sul brillante futuro socialista (dove, se non esattamente noi, ma almeno i nostri figli, avranno abbastanza da mangiare); questo è come i torreggianti e imponenti edifici di culto sono apparsi, e tutto quel fanatismo, la sorveglianza totale, non solo delle azioni, ma anche dei pensieri delle persone, e così via. Lo sviluppo storico viene spesso ripetuto, è stato così anche in questo caso. La religione è nata perché le persone avevano bisogno di una nuova religione per realizzare questo radicale cambiamento di coscienza, che a sua volta deve essere fatto perché i ricchi paesi occidentali allora hanno combattuto l'un con l'altro, perché non potevano arrivare a un accordo utile su chi deve comandare chi (o, in altre parole, non sono venuti alle attuali istituzioni finanziarie multinazionali, che sono costruite sul principio delle società per azioni, dove i profitti sono divisi in base al capitale dato, come dovrebbe essere fatto sotto il capitalismo, e non secondo il dettame di un singolo paese)! Ma invece di una simile relativamente ragionevole decisione, l'Occidente ha deciso di "dare un senso della vita" per il grande paese sovietico, e, rendendo (questi paesi) più ostacoli alla Russia (alla gente del posto), ha costretto la (le persone lì) a superarli da soli! È così che è nata questa nuova religione.

     Dovevano passare interamente due guerre mondiali, con milioni di vittime, e doveva rotolare quasi un secolo dai tempi del nastro trasportatore di Ford, quando l'umanità divenne improvvisamente molto potente, come conseguenza della possibilità di una leggera moltiplicazione della produzione, per i paesi ricchi finalmente a diventare abbastanza ragionanti da cambiare la politica del "bastone" con quella della "carota" (cioè "stick and carrot approach" in inglese, che è un ottimo proverbio). Così o altrimenti, ma l'ironia della situazione è che solo quando l'Occidente ha concluso la Guerra Fredda, e ha deciso, invece di voltare le spalle, a dare una mano all'Unione Sovietica e ai suoi satelliti, solo allora riuscì a superare i comunisti, o almeno a disunire loro e forzare la fase successiva! Anche se questo, che l'Occidente ci ha catturato noi (gli ex-com) molto facilmente con la canna da pesca, o che noi abbiamo "morso la carota" (o il pezzo di zucchero), non parla bene per noi, ma non possiamo incolpare i signori lì per averci traditi onestamente (per non dire in inglese a "dupe"-ingannarci, perché la parola "dùpe" in bulgaro ha un significato offensivo). Se avessimo solo un piccolo cervello, ora dovremmo avere delle spalle forti, come diciamo noi.



     2. Gorbachevismo: inizio della separazione della religione dallo stato



     Se una religione dominante, e immersa in tutti gli aspetti della vita, inizia a perdere la sua posizione, perché lo stato è in guai seri, allora è necessario un "intervento chirurgico" per salvare la religione, come più preziosa. Le difficoltà nel governo sociale erano principalmente risultato della stagnazione, che ogni religione provoca, e questo è stato il caso nel Rinascimento, quando la letargo di lunga durata di tutto il mondo occidentale ha cominciato a ostacolare l'organismo sociale, che appassisce e si secca come i santi delle icone. La situazione era simile anche ai tempi di Gorbaciov, quando la gente semplicemente vegetava, ma senza obiettivi e desideri apprezzabili, perché gli ostacoli allo sviluppo individuale degli abitanti ostacolavano la loro capacità di lavorare meglio ancora per la società! Questo confronto tra Gorbachevismo e Rinascimento rivela una differenza essenziale nel periodo di collegamento con il governo statale delle religioni cristiana e comunista, ma che è facilmente spiegabile dal molto più dinamico ventesimo secolo, rispetto al primo Medioevo, e non ci sono ragioni per supporre che la religione comunista sia stata respinta molto rapidamente (in ogni caso, è troppo presto per affermazioni simili). Potrebbero esserci molte discussioni al riguardo, ma la verità è che il blocco comunista sta solitariamente aspettando un fresco respiro, qualcosa di nuovo e diverso, così che il cambiamento dalla parte del'Occidente della politica del "bastone" con quella della "carota" cominciò a essere completato con azioni simili anche dalla parte dell'URSS. La tolleranza verso i dissidenti ha funzionato per qualche tempo, poiché ha dato alle persone emozioni (il frutto proibito è più dolce), ma quella era una leggera brezza, e doveva venire il "Grande Gorbi" per il "vento tempestoso delle innovazioni" di iniziare a soffiare, perché è meglio una tempesta che un ciclone o un tifone! E l'intervento chirurgico che abbiamo menzionato è stata la separazione dei "gemelli siamesi" — il partito e il governo! E così Gorbi indossò il "gilet chirurgico".

     Tuttavia, è importante sottolineare, che un'operazione del genere non era nuova per l'umanità, ed era stata effettuata a suo tempo da intere pleiadi di pensatori del Rinascimento. La differenza è che, poiché il comunismo era una religione veramente totale, questa operazione deve essere stata eseguita da un "papa comunista", altrimenti essa sarebbe stata irraggiungibile. Eppure è un'altra questione se Gorbachev personalmente abbia saputo, che le sue azioni hanno provocato una distruzione pianificata del sistema (cioè lenta, per evitare gravi disastri, ma una distruzione conseguente e inevitabile), o aveva creduto che i lavoratori del culto riusciranno a prendere il processo nelle loro mani, e che la religione comunista sarebbe rimasta un leader nello stato? La questione della fede del personale superiore di una setta particolare è, tuttavia, sufficientemente complicata, ed è meglio lasciarla da parte, tanto più perché gli obiettivi non sono importanti ma i risultati, e essi sono ben noti. Anche se ben noti non significa correttamente capiti, perché i credenti lo condannarono per aver tradito la loro fede, e quelli che erano di altre credenze lo deridevano per la sua incapacità di salvare il sistema (sebbene essi non hanno mai voluto, che qualcuno lo salvasse). E la verità è che egli ha salvato la fede, separandola dal corpo corrotto del sistema; ha salvato la religione separandola dallo stato! Ci vorranno molti anni prima che questo venga compreso bene dalle persone, ma le nuove condizioni del (non morale e senza fede) capitalismo, della (irrazionale e erroneamente compresa) democrazia, della (brutale e ingiusta) economia di mercato, a poco a poco, chiarire questa domanda, perché la nuova fede non è sorta in uno spazio vuoto, e non lascerà spazio vuoto.

     Sia chiaro che la verità, l'idea, la religione sono indistruttibili, perché non sono materiali! Ciò, che è stato respinto, è lo stato comunista del tipo Lenin (e soprattutto di Stalin), ma non la religione comunista, che ha governato in questi paesi! Dunque, la conclusione che il comunismo di tipo leninista ha raggiunto il suo obiettivo (di creare una nuova religione adatta ai paesi moderatamente e basso sviluppati nella fase attuale del declino del capitalismo globale) è vera, non è demagogia, ma è davvero difficile convincere qualcuno che ha fatto qualcosa per molto tempo, che questo non è più necessario, perché egli inevitabilmente pensa, che tutto ciò, che egli ha fatto fino a quel momento, è stato anche privo di significato, ma la vita è una dinamica perpetua, in cui ogni cosa (compresi i nostri errori, e specialmente quelli) ha il suo scopo! E non dimentichiamo che lo scopo principale (su scala mondiale) del leninismo (e, se volete, anche del fascismo) era di rendere il capitalismo migliore e più sopportabile per il popolo (così come lo scopo principale dei lupi, ad esempio, è di selezionare una migliore razza di lepri, e per le lepri — lupi più vivaci, perché tutto in questo mondo è interconnesso), e questo sociale ordine ha compiuto questo compito molto bene, perché il capitalismo di oggi (nei paesi sviluppati, non in quelli come la Bulgaria, dove, invece di passare a qualcosa di meglio, siamo tornati circa 50 anni/* indietro nel tempo), è molto diverso e più accettabile del capitalismo, che ha costretto l'emergenza di questa nuova religione comunista!



     [ * Quando questo libro fu scritto era chiaro, secondo alcune previsioni occidentali e anche dai calcoli dell'autore, che noi avremmo raggiunto il nostro precedente tenore di vita dopo 35 a 50 anni, cioè verso il 2030. Oggi, nel 2010, è ovvio che questa prognosi, nel complesso, è vera, perché noi viviamo ancora circa 3-4 volte peggio che al tempo del nostro Todor Zhivkov; il fatto che circa 10 % della popolazione vive meglio di prima, e un altro 20-25 % vive ugualmente male (o buono — come vi piace), non cambia le cose. ]



     3. Futuro della religione comunista



     Il futuro di questa religione sarà come il futuro di ogni nuova religione, e deve passare attraverso due fasi distinte, cioè: la separazione dell'idea di realizzazione, o analisi; e incarnazione dell'idea in una nuova modificazione, o sintesi di migliori religioni secondarie, dove queste fasi possono essere ripetute ciclicamente e dare origine a diverse modificazioni, come la religione cristiana ha fatto da secoli. Correttamente guardato questo è vero non solo per l'evoluzione di alcune religioni, ma anche per ogni sistema sociale, però è giusto nel nostro caso. In questo momento, noi siamo nella fase di analisi e non siamo ancora arrivati alla sintesi di una nuova "eresia", soprattutto perché l'esistenza di un capitalismo grossolano o "verde" è ancora molto breve, per stimolare le persone alla ricerca di qualcosa di meglio, ma il futuro mostrerà come stanno le cose, tenendo presente che la migliore convinzione è la nostra esperienza personale. La generazione giovane non crede nelle storie di crisi globali del capitalismo/**, crolli sui mercati azionari, periodi di lunga durata di disoccupazione di massa (più lunghi della siccità in alcune regioni dell'Africa, che di solito durano solo 3-4 anni), guerre devastanti a causa dell'incapacità dei paesi civilizzati di trovare soluzioni ragionevoli, e altre cose, finché esse non cadono sulle proprie spalle. Quando ciò accadrà, sorgerà anche la nuova eresia, se la religione persiste, naturalmente. Ma finché le idee non possono essere distrutte (esse stanno solo aspettando condizioni adatte per emergere di nuovo), ci sono tutte le possibilità di aspettare che alcune "mutazioni" comuniste conquisteranno il mondo, prima di aver raggiunto la fine della civiltà del capitalismo globale.



     [ ** Beh, speriamo che le persone ora credano. ]



     E ciò, che la civiltà presente stia volgendo al termine, può essere visto dal fatto che la maggior parte della popolazione nei paesi ben sviluppati non ha uno scopo principale nella vita. Ritornando ora alla discussione nel punto I.13 sulle cinque livelli dei desideri umani, scopriremo che in questi paesi le persone hanno già raggiunto il quarto livello di espressione personale e creazione di carriera, e esse vivono solo per la soddisfazione del quinto livello, vale a dire per il proprio sviluppo e miglioramento. L'ironia della situazione, tuttavia, è che quando viene raggiunto questo livello, la stragrande maggioranza delle persone raggiunge anche il limite superiore (geneticamente in esse definito) e il molteplice miglioramento della personalità per esse si esprime principalmente nel miglioramento dei modi per raggiungere sensazioni fisiche (vale a dire, di buon gusto, sensuale, sessuale, audiovisive, ecc.), così come nell'intensificazione delle emozioni (e quindi l'uso di narcotici è così comune al giorno d'oggi, e esattamente tra i giovani), o, in altre parole, per la maggioranza delle persone la nuova qualità si esprime soltanto in una quantità maggiore di vecchie qualità conosciute! Invece, le persone devono aspirare a raggiungere nuovi livelli di piacere, ad esempio, partecipazione all'arte o alla cultura del mondo (non la cultura di massa, naturalmente, come l'azione e il thriller), sviluppamento fisico della persona (non solo a sederci davanti allo schermo della TV e guardare gli altri correre o saltare), creatività artistica e scientifica individuale, apprendimento delle lingue straniere, coltivazione di rose o crisantemi, se voi volete, e altre cose simili. Quando la classe dominante raggiunge questo livello più alto, essa inizia (normalmente) a degradare, e per quanto riguarda il capitalismo oggi, c'è anche una grande classe media (che è necessaria per comprare le merci, che vengono costantemente prodotte, con lo scopo di aumentare i profitti di immensamente ricchi, ma che sono solo 2-3 % della popolazione), così che si scopre che questo incessante degrado (crollo, deterioramento, o come lo chiamate) sta iniziando a diventare totalmente globale. In questo modo il capitalismo mondiale lentamente e gradualmente passa via, e l'unica cosa che può essere fatta in questo senso è di spostare il momento della fine in lontananza!

     La seguente ironia dello sviluppo, tuttavia, è che allo stadio presente esattamente le vittime della religione comunista sono quelli, che rimandare la fine, sia che noi permettiamo (e forniamo) ai paesi ricchi di insegnarci come vivere, sia che formiamo un nuovo grande mercato per i loro prodotti, sia costringendoli a pacificarci, perché noi siamo molto più "selvaggi" di questi paesi civilizzati, ma in questo modo ritardiamo l'evoluzione (o il declino della civilizzazione). In breve, in modo analogo a come all'inizio del 20. secolo, i paesi industrializzati diedero all'impero sovietico, e successivamente a molti dei suoi satelliti, un senso della vita, voltandogli le spalle e costringendoli a ritirarsi da soli dalla palude, dove sono stati affondati (per ragioni diverse, principalmente oggettive), allo stesso modo ora, dopo il collasso del sistema comunista globale, i cittadini degli paesi ex-comunisti sono quelli, che danno senso nella vita a molti cittadini di paesi ben sviluppati. Più di questo, poiché la nostra civilizzazione contemporanea si espande in diversi continenti, essa non può estinguersi fino a quando tutti i paesi hanno raggiunto un uguale livello di deterioramento (o sviluppo se preferite così), e l'esperienza degli ultimi anni democratici ha chiaramente dimostrato che da una accettabile soddisfazione al livello dell'espressione personale, di quale erano arrivati tutti gli ex com, più o meno la metà di essi sono ora scesi a uno o due livelli (anche, hmm, il sesso è in gran parte sostituito dal cosiddetto erotismo, per molto trasparenti ragioni commerciali), e ben oltre la metà della loro popolazione sta combattendo duramente per la loro sopravvivenza. Se questo non è un aiuto per la salvezza della civiltà, allora cos'è un aiuto in quel caso? Se questo non è risultato della nostra transizione verso la democrazia, allora noi, né vediamo nulla, né capiamo le cose! Ma, bene, se beneficiamo noi di questa situazione, o qualcun altro, è una completamente diversa domanda, però, che cosa si deve fare — questa è la dialettica dell'evoluzione.



     Come risultato di questa dialettica, i paesi ex comunisti rimasti indietro nel loro sviluppo riuscirono a inventare una nuova religione contemporanea che, probabilmente, continuerà in qualche forma o altra nel futuro. Una tale forma è presentata nel capitolo seguente, che è in realtà qualcosa come utopia o fantascienza, ma in considerazione del fatto che il nostro futuro, dal punto di vista della realtà esistente, è una fantasia, quindi, se possiamo aggiungere anche l'aggettivo "scientifico", questo studio deve solo vincere! E, in secondo luogo, dopo queste lunghe e noiose considerazioni, il lettore ha pienamente meritato un bel po' di intrattenimento, così che — perché non offrirgli una storia di fantascienza?





     



IV. IL PENTAISMO — LA RELIGIONE DEL FUTURO




     1. Oggetto del pentaismo



     Il pentaismo è una religione degli atei, in cui questa contraddizione tra fede e ragione, che esiste in tutte le altre religioni, è superata in un modo naturale — per mezzo di loro inseparabile unione! Noi invitiamo tutti coloro, che accettano le nostre convinzioni, a credere che la ragione esiste, e quindi tutto può essere dimostrato razionalmente, in modo che la consolazione richiesta dai nostri credenti debba giacere nella ragione, che a sua volta può giustificare il bisogno di fede; o viceversa — nella fede, che può postulare l'esistenza della ragione. Secondo la nostra convinzione, non solo la fede e la ragione non si contraddicono a vicenda, ma si completano a vicenda, così che laddove la fede non è sufficiente, la ragione viene in aiuto, e dove la ragione manca, la fede lo aiuta! In questo senso, il pentaismo è la religione più ragionevole, e l'area di studio più religiosa. Per chiunque voglia unirsi a noi, non c'è problema a farlo, sia attraverso la ragione (che la nostra religione è la migliore), sia attraverso la credenza (che essa è la più ragionevole), o attraverso un'unità dialettica di queste estremità, o attraverso un altra delle Vie di Conoscenza (vedete più sotto).

     I pentaisti credono nelle relazioni causali (causa-effetto) delle cose e sanno che il loro presente stato è impossibile senza l'esistenza di un pre-esistenziale passato, in cui essi sono un post-esistenziale futuro non realizzato, proprio come il loro presente attuale è un pre-esistenziale passato per il loro post-esistenziale futuro. Il pre-esistenziale passato, così come il post-esistenziale futuro, sono non materiali e indistruttibili! Non c'è alcun problema nell'immaginare il passato pre-esistenziale come una storia, una catena di eventi reali e materiali, ma questa è solo una rappresentazione al riguardo, una specie di registrazione di esso, non è, però, il passato stesso, che è solo un'essenza o idea senza un mezzo materiale. Questo è qualcosa come un ricordo della razza, del sesso, del gruppo sociale, della classe, dell'intelletto, ecc., ma solo come tale, non proprio così! Allo stesso modo, il nostro futuro post-esistenziale è una conseguenza del nostro stato presente e del nostro passato pre-esistenziale, ed è direttamente influenzato da essi, ma in modo non materiale! Il futuro post-esistenziale di ogni essere umano inizia con l'inizio del suo presente stato ed esiste per sempre, dove dopo il passaggio della sua esistenza presente rimane immutabile, nella forma del passato pre-esistenziale per le altre generazioni, fino a quando sia la fede, o la ragione, o entrambe le cose durano. Certamente, noi possiamo visualizzare il nostro post-esistenziale futuro come una informazione genetica aggiornata, con la quale esso può essere rianimato come nostro presente nel futuro, ma solo come un'immagine o idea di esso, non che sia esattamente così. Il passato è da dove veniamo e il futuro è ciò per cui viviamo. Non c'è futuro senza presente e questo senza passato, perché l'effetto richiede la sua causa, indipendentemente dalla materia e dal modo in cui essa viene trasmessa, ma non c'è neanche passato o presente senza futuro, perché la causa crea il suo effetto. Tuttavia, l'esistenza di un futuro post-esistenziale dell'individuo non significa che esso contenga qualcosa di prezioso (il suo solo contenuto potrebbe essere solamente un'indicazione che in esso non c'è nulla, o il cosiddetto "set vuoto"). Si può capire il suo passato pre-esistenziale, ma non catturare il suo futuro post-esistenziale. Il pre-esistenziale passato e il post-esistenziale futuro sono solo una specie di informazione.

     I pentaisti sono atei e credono che non ci sia Dio, ma essi non possono provarlo! Se avessero potuto dimostrare che Dio esiste, ciò significa che Egli non esiste, perché non sarebbe un Dio se potesse essere compreso da esseri così limitati nel tempo e nello spazio come uomini; e se fossero stati in grado di provare che non c'era Dio, allora la loro dimostrazione non avrebbe significato nulla, perché Dio si era, forse, nascosto molto bene, e per questa ragione essi sono giunti alla conclusione che lui non esiste. Se assumiamo che un Dio esiste, non c'è nessuna contraddizione, perché egli può essere, come "provato" dagli umani, anche non provato; e se accettiamo che non c'è Dio, non c'è di nuovo contraddizione, perché come Dio egli non può essere influenzato dalla nostra ipotesi. Perciò i pentaisti sono anche credenti, credendo che Dio esiste, che ancora non può essere dimostrato! In questo modo, risulta che entrambe le affermazioni sono possibili! Questo è, in una certa misura, simile al famoso paradosso di Bertrand Russel sul barbiere, che recita come segue: in un villaggio c'era un barbiere che rasava ognuno, chi non poteva radersi da solo; poi la domanda è: il vero barbiere, a cui delle due categorie appartiene — a chi non può radersi da solo e quindi andare dal barbiere, perché, se egli si rade, cade nel gruppo di quelli che vanno dal barbiere per essere rasato, oppure a chi può radersi, perché egli si rade davvero da solo?

     Per quanto non ci sia Dio, non importa come dovremmo chiamarlo, e così i pentaisti lo chiamano una volta Dio, un'altra volta — natura, una terza volta — sostanza, o leggi, poteri, e così via. Lui è presente ovunque nel tempo e nello spazio, è illimitatamente divisibile, ma appare sempre come intero e indiviso (si può immaginare che lui è come il magnete, ma questa è solo un'idea di lui, non sua intera essenza). Lui è immateriale, ma regola tutta la materia e rappresenta l'idea della materia: Dio è tutta l'informazione sugli oggetti, gli eventi e le connessioni tra loro, non solo statici, ma anche dinamici nel tempo. Lui è oggettivo e indipendente dal nostro presente, dal nostro passato pre-esistenziale e dal futuro post-esistenziale, ma influenza ciascuno di essi. Lui non ha bisogno della nostra conoscenza, o nostro riconoscimento di lui, o delle nostre preghiere, fede, pensieri e ragione; noi siamo quelli che hanno bisogno di lui, o della conoscenza dei suoi diversi aspetti. Il Dio pentaista è indistruttibile, e anche se tutta la materia sarà distrutta, Dio rimarrà al fine, per ricostruirla di nuovo e incorporarsi in essa!

     Dio è la verità su tutto, compresa la verità sulla menzogna, che sorge quando la verità non è presente; tutta la verità, tuttavia, è sempre assente per noi! Dio è la vera conoscenza di ciò che è buono e di ciò che è cattivo, così come la conoscenza della conoscenza e dell'ignoranza; solamente Dio sa quando e in che modo il buono diventa cattivo, e viceversa, così come quando la conoscenza diventa ignoranza e viceversa! Dio ha un infinito numero di aspetti, e non è nella capacità dell'intero genere umano di comprendere solo uno dei suoi aspetti, che sono collegati con un infinito numero di relazioni ed esistono parallelamente in molti innumerevoli universi. Il termine "innumerevoli" deve essere inteso qui nel senso che anche Dio, che come Dio può tutto, non può enumerarli, perché sa che qualunque algoritmo decida di usare, avrà bisogno per questo scopo di una illimitata quantità di tempo, che persino un dio non può permettersi di buttare via! Alcuni pentaisti, infatti, dicono qualcosa di molto ardito, e cioè che Dio, prendendo alcuni quanti di tempo da tutto il numero illimitato di Universi, e visitandoli attraverso uno speciale algoritmo parallelo di infinita dimensione, può, ancora, enumerare l'innumerevole; più di questo, lui ha già fatto questo una volta, e per questo può facilmente determinare ciò è innumerevole, ma essi non possono provare la loro affermazione, e perciò credono in essa.

     I cinque Vie di Conoscenza del nostro Dio o del nostro mondo sono i seguenti: la fede, che permette a chiunque di accettare come vero ciò, che altri uomini hanno provato con la ragione, o hanno raggiunto tramite alcuni degli altri modi di conoscenza; la ragione, che può da informazioni scarse ottenere o derivare nuove conoscenze; l'ereditarietà, che fissa e passa alle generazioni la parte più importante e immutabile delle informazioni sulla natura; l'apprendimento, utilizzando il quale si possono sviluppare e migliorare le nostre capacità di movimento sugli altri Vie di Conoscenza; e la sensibilità, che è il modo principale per accettare e riflettere l'ambiente nella nostra mente. Questi vie si completano e si modellano a vicenda, costruendo una potente palette per rappresentazione più completa dei diversi aspetti del dio pentaista.



     2. Adorazione del pentaismo



     I templi dei pentaisti sono in forma di stella a cinque raggi
, in ciascuno dei raggi di cui c'è una grande sala pentagonale per discussione attorno al tavolo pentagonale. La parte centrale della stella rimane vuota ed è più spesso utilizzata per vari eventi sportivi all'aperto, e anche come spazio di parcheggio per vari veicoli terrestri o aerei. Ognuno dei cinque raggi ha un'alta torre con guglia in cima (verso il centro della stella), che rappresenta immagini scultoree di alcuni aspetti del dio pentaista. Tuttavia, per quanto nessuno sappia esattamente quali siano questi aspetti, c'è una vasta area per l'espressione creativa dello scultore, e per questo motivo raramente si possono incontrare due cupole uguali. A causa della loro forma, questi templi sono chiamati Pentaduomi e, oltre alle sale pentagonali sopra menzionate, ospitano varie stanze con varie attrezzature audiovisive e comunicative, sale ricreative, bancarelle, luoghi di ristoro, sale per lo sport e il divertimento, ecc., che trasforma questi templi in luoghi preferiti per il relax e il miglioramento personale.

     I pentaisti hanno varie festività e carnevali, che sono distribuiti in modo relativamente simmetrico durante tutto l'anno e sono principalmente legati al numero cinque, alla stella a cinque punte, e alle cinque dita della mano. Noi crediamo che Dio abbia creato il nostro Universo in cinque fasi, che sono le seguenti: Generazione dell'idea, Sviluppo del progetto, Realizzazione dell'Universo, Monitoraggio del suo funzionamento, e alla fine Valutazione degli svantaggi della realizzazione. Questi tappe sono ripetuti all'infinito in ognuna delle miriadi di Universi, dove al momento noi siamo alla tappa di Monitoraggio, ma per quanto tempo essa continuerà — solo Dio lo sa! Noi crediamo che l'uomo deve lavorare cinque giorni (più precisamente quattro e mezzo — perché l'ultimo dito è più piccolo degli altri), e poi rilassarsi per qualche giorno, perché quando lavora più a lungo si stanca, ma quando lavora di meno, diventa pigro, ed è per questo che ogni sesto giorno dopo i giorni lavorativi noi chiamiamo il giorno della valutazione e della lode degli ultimi cinque, e ogni giorno prima del primo giorno di lavoro — giorno per pianificazione e preparazione per i prossimi cinque. In questo modo, le nostre vite sono composte da molti "Pentoletki"/*, che sono chiamati così, perché i giorni sono piccoli e volano molto velocemente.



     [ * Qui sono necessarie alcune spiegazioni per i lettori in italiano. C'erano i ben noti piani quinquennali (che di solito si completavano per tre o quattro anni, ma questa è un'altra cosa), che venivano chiamati in russo pjatiletki (o petiletki in bulgaro), dove gli "anni" sono leti o godi (e l'ultima lettera deve essere letta in modo diverso, ma non esiste un equivalente in italiano, così che è meglio non preoccuparci di questo qui). D'altronde letat (con una dolce "t" alla fine, o letja in bulgaro) significa volere, e così naturalmente si pensa, che gli anni volano veloce. E ora, con i giorni, essi certamente volano anche più velocemente (e ce ne sono anche cinque). ]



     Oltre a queste settimanale festività, ci sono anche i Giorni delle Dita, che sono cinque all'anno e scelti arbitrariamente ogni anno per il paese, dove in questi giorni tutti i pentaisti sono molto allegri e solenni, indossando rossi nastri luminosi sui loro indumenti per tutto il giorno, così come tali fili sulle corrispondenti dita della mano (almeno) sinistra. Due volte all'anno, nei giorni degli equinozi di primavera e d'autunno, ci sono speciali Temporali Serate, quando tutti i pentaisti, così come tutti gli altri che desiderano, vengono in massa ai nostri Pentaduomi per prendere le speciali "pillole temporali" (piccole tavolette pentagonali rosse, con un gusto speciale) per il quale le persone credono di aiutare a stabilire la connessione con il nostro post-esistenziale futuro, rinfrescando le informazioni per il nostro stato presente (e, con l'aiuto di Dio, anche per il nostro pre-esistenziale passato), in modo che se Dio decide di porre fine all'osservazione dell'Universo (e quando questo succede solo lui lo sa), allora questa informazione può essere usata per creare nuove realtà sulla base del passato, in uno qualsiasi degli innumerevoli Universi. Queste tavolette rinfrescano la scia lasciata da ciascuno di noi nel tempo, per il quale, sebbene essa non possa scomparire completamente, si ritiene che se non viene rinnovata almeno una volta all'anno, diventa poco chiara come una giornata di nebbia, in modo che le buone azioni sembrano cattive, o viceversa, agli occhi delle generazioni.

     Ogni anno vengono effettuati anche Carnevali delle Vie della Conoscenza, dove ogni anno il carnevale è dedicato a una delle cinque Vie, che si alternano a vicenda. Questi carnevali durano cinque giorni, che per i non-pentaisti siano lavorativi, ma durante questo periodo ai pentaisti è vietato qualsiasi lavoro a fini commerciali (se il lavoro non può essere messo da parte, allora esso può essere fatto, ma ai pentalisti non è permesso di prendere qualsiasi pagamento per questo), in modo che essi possano solo divertirsi e rafforzare le loro menti (e i loro corpi), per lavorare in seguito più efficace per il futuro post-esistenziale del loro paese. Oltre a queste feste, ci sono anche Giorni dei Martiri della Conoscenza, che sono in relazione con uno o l'altro pentaista, o con uno degli antichi comunisti, che hanno dato origine alla nostra religione, e che erano stati perseguitati per secoli dai ricchi di questo mondo, che desideravano che tutta la conoscenza (così come i benefici ottenuti attraverso di essa) fosse stata usata solo da loro, e si limitavano a dare agli altri solo le "briciole", tanto di avere abbastanza da vegetare in qualche modo, ma non di essere in grado di lasciare un segno essenziale sul futuro post-esistenziale dell'umanità. Questi santi sono canonizzati da molto tempo e l'aggiunta di nuovi (o esclusione di vecchi) è permessa solo nei concili ecumenici, che si tengono ogni 50 anni, sebbene ogni anno vengano annunciati cinque Giorni Straordinari Festivi, associati alla morte dei contemporanei pentaisti, o con alcuni anniversari rotondi di importanti contemporanei.

     Per quanto il dio pentaista non ha bisogno di accettazione e adorazione da parte dei credenti, questa religione è la più tollerante di tutte le esistenti. Essa non obbliga nessuno a nulla, essa soltanto dà: fede, ragione, e convinzione a tutti, per concludere tranquillamente il tempo lasciato a ognuno in questo mondo, prima di trasformarsi in pura informazione. I funzionari di culto sono tolleranti verso i laici, perché sanno che ognuno ha il diritto di commettere i propri errori, e più si convincere qualcuno che sta commettendo errori, quando si comporta così e non altrimenti, più forte e più sicuro egli continua a fare questo, così che meno errori di tutti sono fatti quando ognuno fa solo i suoi errori, non essendo provocato dagli altri. La gente comune, per parte sua, è anche tollerante verso i pentaisti, perché più limitato è uno, più difficile è per lui di comprendere l'unità delle contraddizioni, ed è per questo che egli considera i pentaisti un po' sciocchi e, quindi, degni di rimpianto. In questo modo tutti sono contenti e felici!

     Il Pentaismo non pretende di prendere parte al governo del paese, ed è proprio per questo che varie posizioni dominanti, di norma, sono prese dai pentalisti! Ciò deriva dal fatto che tutti credono nell'esistenza della natura e della ragione, e chiunque, che abbia preso una posizione dominante, vuole diventare un pentaista (se non lo è), per lasciare qualcosa nel post-esistenziale futuro. Nella misura in cui la nostra religione non richiede che i credenti non credano in altre divinità, cioè essa permette una "doppia persuasione religiosa", molti politici preferiscono assicurarsi in questo modo, senza perdere nulla.

     Per i bambini che desiderano diventare Pentaisti in futuro, così come per i piccolissimi (se i loro genitori lo desiderano), ci sono diverse fasi di preparazione, che possono salvare alcune delle raccomandazioni necessarie per la loro ammissione (vedete sotto), e rendili dalla più tenera età parte di interessanti rituali ed esercizi. I bambini molto piccoli possono, dopo il completamento del loro terzo anno di vita, essere dichiarati per le cosiddette "larve" (perché essi sono ancora uomini molto piccoli, e devono appena crescere e imparare come vivere), ciò viene eseguito nei Pentaduomi durante il "Strisciamento della Larva", quando essi devono attraversare una grondaia stretta e corta (circa un metro e mezzo), dopo quello ricevono una lunga sacca di cose gustose, che assomiglia a una larva. Dopo cinque "anni larvali", o quando essi hanno otto anni, ogni bambino può essere annunciato per "pupa", che è un periodo preparatorio per il futuro pentaista e, sebbene non obbligatorio, è desiderabile, perché nei Pentaduomi ci sono molti circoli e altre attività interessanti solo per tali bambini. Questo viene fatto con un rituale speciale di "Avvolgimento del Bozzolo", poiché i bambini di questa età non possono ancora vivere da soli, e deve ora crescere ed evolversi raccogliendo senso e ragione, ed essere molto diligenti, finché non crescono sufficientemente, avendo abbastanza cervello, per iniziare da soli a "saltare" in giro come gli altri esseri. Ci sono due gruppi di età dei bozzoli, ma il numero totale di anni passati lì deve essere 10 (o più), e poi arriva il rituale di "Svolgimento del Bozzolo", che simboleggia il raggiungimento della maturità di 18 anni, quando queste giovani ragazze e ragazzi diventano "non-alati", perché ora, sebbene siano incerti, essi possono andare in giro per il mondo da soli. Devono rimanere tali per almeno cinque anni, quando possono applicare per diventare pentaisti a pieno diritto.



     3. Ufficiali del culto



     L'apparenza dei pentaisti non è diversa dagli altri cittadini, e quindi ogni credente tatua sul palmo della sua mano sinistra piccola stella rossa a cinque raggi con foro pentagonale nel mezzo (cioè un pentagono vuoto con cinque triangoli rossi sui lati), che simboleggia i cinque Vie di Conoscenza: fede, ragione, ereditarietà, apprendimento, e sensibilità. Questo determina anche la forma degli edifici di culto, così come il gesto di benvenuto, che è l'apertura delle cinque dita della mano sinistra (oppure la destra, se la sinistra è ostacolata da qualcosa). La stella, già dalle antiche religioni, simboleggia la luce (o la conoscenza, che è una delle entità del dio), e il colore rosso (che anche dai tempi molto antichi è stato preso per il più bello, perché "bello" in russo è krasivij, ma questo deriva dal colore rosso, che è krasnij) è tradizionale dal tempo dei comunisti, che usavano simili simboli, ma riconoscevano solo due Vie di Conoscenza: quella dell'inganno (o fede) e della coercizione.

     I Pentaisti hanno una semplificata scala gerarchica, che consiste di cinque livelli (dove il primo è il più basso), ciò è simbolicamente segnato sul palmo attorno alla stella a cinque punte, con una stilizzata piccola "ala" (simile al "pulcino", con il quale sono segnate le linee compite di una lista). Nei casi cerimoniali, naturalmente, simili e più graziose piccoli ali sono attaccati a parti prominenti del loro abbigliamento. Queste ali sono ricevute dai pentaisti come risultato dell'attestazione, che viene eseguita dopo cinque anni, ed è basata su un resoconto personale dell'attività dell'individuo, al riguardo del futuro post-esistenziale del paese e il pentaismo, e secondo il giudizio di un ufficio appositamente scelto di credenti dello stesso grado, in cui, tuttavia, possono partecipare pentaisti con più ali, come consiglieri e consulenti. In questa attestazione ognuno può ricevere un'ala, o no (e poi aspetta la prossima dopo almeno un anno); in casi eccezionali, tali ali possono essere date anche postumo ad eminenti pentaisti di importanza nazionale. Posizioni di gestione possono essere occupati solo da tre o più "alati" pentaisti, dove ciò avviene con decisione delle rispettive Unioni degli Uguale-Alati, che vengono costruiti a livello locale e nazionale.

     L'accettazione di nuovi credenti avviene dopo 21 anni e con raccomandazioni di cinque pentaisti con almeno due ali, ma la partecipazione alle truppe dei bozzoli viene calcolata come due anni per uno, o i dieci anni là danno un totale di cinque anni, che corrisponde ad una raccomandazione, e ogni cinque anni come non-alati fare anche una raccomandazione. In questo modo, per chiunque, chi ha raggiunto l'età di 23 anni, è normale essere ammesso come pentaista con solo tre raccomandazioni e ricevere la sua prima ala (eppure egli può rimanere non-alato per altri cinque anni, e quindi solo due raccomandazioni saranno sufficienti). L'ammissione di nuovi pentaisti viene eseguita ogni anno nel secondo giorno del Carnevale delle Vie di Conoscenza e prosegue in condizioni molto festive. Nello stesso giorno vengono effettuati la "Strisciatura delle Larve", il "Avvolgimento delle Bozzoli", e il "Svolgimento delle Bozzoli", ma in diverse ali dei Pentaduomi. Questo, così come i giochi e le competizioni sportive, che seguiranno nei giorni successivi, sono divertimenti molto popolari, che sono venuti al posto di varie vecchie usanze, e sono incontrati con interesse comune e partecipazione da ogni gruppo di età e credenza religiosa, trasformando il Carnevale in una festa per l'intera popolazione.

     Nell'interesse della integrale felicità umana, i pentaisti sono d'accordo con la necessità di una certa censura, purché solo Dio sappia cosa è buono e cosa no, ma i prominenti pentaisti con quattro o cinque ali sono, ovviamente, asintoticamente più vicini alla verità divina (anche se essi non possano mai raggiungerla), e quindi è del tutto normale quando essi censurano o danno la loro benedizione per la diffusione di qualsiasi informazione. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, ciò non significa nascondere le informazioni, ma distribuire (o propagandare) le informazioni che sono utili alle persone, perché in ogni caso, qualcuno deve decidere cosa distribuire (in tal senso, che il punto di vista del business o della gente comune non è sempre quello giusto). Allo stesso modo noi pensiamo, che potrebbe esserci anche una certa segretezza di informazioni (oltre ai casi in cui questo, comunque, è fatto nell'interesse della protezione dello stato), perché un po' di segretezza è spesso necessaria per aumentare l'interesse per ciò, che è nascosto!



     4. Utopismo, rifugio per i deboli, e moralità del pentaismo



     Come ogni altra religione, anche il pentaismo è inevitabilmente utopico
nei suoi sforzi per cambiare la natura degli uomini, facendoli credere che un futuro post-esistenziale esiste, e essi devono vivere nell'interesse di esso, non del loro stato attuale, dove in futuro nessuno ha mai vissuto (perché se fosse vissuto, allora questo è il suo passato pre-esistenziale, e se vive lì ora, questo è il suo tempo presente, ma non il futuro). Nella misura in cui la ragione prova la fede, e la fede invoca la ragione, così l'utopismo della religione pentaista non impedisce che essa sia ragionevole, e anche la ragione in essa non impedisce che essa sia un'utopia! In questo senso, il pentaismo è l'esatto limite superiore della ragione utile (o il suo supremum), così come è anche l'esatto limite inferiore (o il infininum) della fede utile, contenente massimo della ragione e minimo della fede, per essere questo beneficente per l'umanità! Nello spiegare questa affermazione, noi partiamo dal punto di vista umano, nel senso che la ragione è limitata e collocata nell'area interna, dove la fede (o l'ignoranza) è intorno e illimitata, così che lo scopo di ognuno di noi deve essere di allargare l'area chiusa della sua conoscenza. ( Dal punto di vista di Dio, tuttavia, la ragione è esterna e illimitata, dove la fede è dentro e limitata, perché anche in un sistema divino deve esserci un posto per la fede, senza la quale non si può creare nulla di sostanziale, ma finora questa è una nozione duale, e anche inaccessibile agli uomini, noi rimaniamo nella nostra posizione precedente. ) Questo limite esiste (perché il pentaismo esiste) ed è anche l'unico, perché la fede non può andare dalla parte della ragione, così come la ragione non va dalla parte della fede, ad eccezione del limite stesso, dove essi si toccano, e che è esattamente il pentaismo; se esiste un'altra religione che unisce la ragione e la fede essa sarà la stessa (o indistinguibile per gli umani)! Poiché la fede e la ragione si toccano nello spazio tridimensionale, l'aggiunta di una nuova dimensione avrebbe potuto consentire l'esistenza anche di altre religioni "ragionevolmente-irragionevoli", ma non è nel potere dell'uomo di vivere nello spazio n-dimensionale, ancor più, quando n è uguale all'infinito, che è una prerogativa solo del Dio onnipresente e indivisibile, che dimostra che questo limite è l'unico, ed è quello che doveva essere provato.

     Il pentaismo è l'oppio migliore e più innocuo per gli uomini, perché non porta a fissazione e aumento della dose (o perdita del senso della proporzione)! Per quanto il nostro Dio è il più astratto possibile, ognuno dei credenti può facilmente accettare qualsiasi immagine che egli desidera (e allo stesso tempo anche una diversa credenza religiosa), così come respingere la stessa esistenza di Dio (che noi anche permettiamo). Se i pentaisti non rifiutano la loro religione, questo non è perché essi sono così dipendenti dall'oppio, che non possono vivere senza di esso, ma perché non vogliono limitare l'immagine di Dio, o buttarlo via completamente; quando essi visitano i nostri templi, ciò non è perché qualcuno li obbliga a farlo, ma perché a loro piace passare il loro tempo lì, e anche i nostri rituali sono belli e accettabili, non solo per bambini in età prescolare. E per quanto la nostra vita non ha altro significato, se non quello di lasciare alcune informazioni nel post-esistenziale futuro dell'umanità, così la gente inevitabilmente viene da noi, per imparare come farlo.

     Chi altro, se non noi, può spiegare a loro, che l'uomo, anche se lui è un'entità sufficientemente autonoma (che in realtà significa la parola latina "individuum", che si divide in: in + divido, cioè qualcosa che non è più divisibile), non è ancora completamente libero e indipendente dagli altri esseri e dalla natura, e ciò, che le persone non sono legate come i cani al guinzaglio, non significa, che esse non sono geneticamente, socialmente, e temporalmente (tramite una specie di telecomando, per così dire) connessi con la comunità? Chi altro, tranne noi, può farlo, se per tale convinzione, non è sufficiente tutta la fede di un'altra religione, o la ragione di un'altra scienza, ma solo la loro unità, raggiungibile nel pentaismo, attraverso i cinque Vie di Conoscenza? Chi altro può spiegare ai cittadini comuni, che per la vita (che è una dinamica incessante) può esistere, anche la morte deve esistere (per evitare la stagnazione), e che per avere uno scopo nella vita, la vita non dovrebbe avere alcun scopo — esattamente per la ragione che essi dovrebbero cercare incessantemente questo scopo (perché, se ci fosse stato uno scopo, lo avremmo trovato molto tempo fa)? L'apparente futilità del futuro post-esistenziale per l'individuo giustifica la necessità di cercare lo scopo della vita nel contesto di comunità, gruppo, o natura (che è uno dei nomi di Dio), e il puro scopo o obiettivo è solo un'informazione, che, come non-materiale, è indistruttibile! Per spiegare tutto questo esiste il pentaismo, che è e sarà un rifugio per le persone deboli!

     Quando il progresso ci ostacola, noi dobbiamo ostacolarlo, che è ovvio. Ciò, che non è ovvio, è quando esattamente il progresso ci impedisce, qualcosa che, in generale, è e resterà sempre nascosto al popolo, perché, come esseri finiti, noi siano limitati principalmente nel tempo, e la valutazione degli eventi non deve essere statica! Da considerazioni molto generali, tuttavia, perché ora siamo al livello di Monitoraggio (o osservazione), è chiaro che è preferibile avere più stagnazione che sviluppo, o almeno uno sviluppo pianificato ed evolutivo, e in questo senso noi siamo contro progresso non-pianificato. Nella misura in cui ogni individuo è solo una parte della società, e il suo singolo futuro post-esistenziale è solo una parte del comune futuro post-esistenziale dell'umanità, ne consegue che il suo sviluppo deve essere soggetto allo sviluppo della comunità e non viceversa, sebbene il contrario è anche vero, perché lo sviluppo della società non può essere realizzato senza il pieno sviluppo della personalità, e se l'una cosa contraddice l'altra, si finisce per credere che non c'è contraddizione, o si prova ragionevolmente che contraddizione deve esistere (che, secondo il pentaismo, ha lo stesso significato)! Uno degli argomenti di discussione nelle sale pentagonali dei Pentaduomi è la questione, se uno sviluppo è buono o cattivo, e anche se una maggiore libertà del solito in qualsiasi direzione è preferibile (perché più ci sono le libertà per l'individuo, meno sono quelle per la società, e viceversa).

     Lo scopo principale della nostra esistenza presente è l'aumento perpetuo della felicità integrale della comunità, se ciò non ostacola la felicità della personalità nel suo post-esistenziale futuro! Riguardo a quest'ultimo, ci sono possibili periodi di limitazione della felicità nel momento presente, che è una questione di giudizio e profondi discussione. I nostri simboli sono focalizzati esattamente sulla felicità, e la stella a cinque punte simboleggia i cinque Vie di Conoscenza, come le cinque dita del palmo simboleggiano la mano umana, che solamente può trasformare l'idea in realtà. Tutti e cinque Vie sono ugualmente adatti e non importa da quale di essi la felicità verrà raggiunta, in modo che alcune persone possano usare la fede, altre la sensibilità, terze la ragione, e così via. Più di questo, il pentaismo non è una religione per scelti sulla base della classe, della razza, della proprietà, del sesso, dell'intelletto, o di altri caratteristiche, e le porte dei nostri Pentaduomi sono sempre aperte a chiunque voglia unirsi ai nostri ranghi, così che la felicità con noi è gratuita e accessibile a tutti! L'esistenza di un futuro post-esistenziale ci porta avanti nel tempo, da cui deve essere stimata la felicità dell'individuo, e il carattere informativo di questo futuro ci convince nelle connessioni con gli altri elementi della società (così anche della natura, tramite l'esistenza di Dio), per cui questa informazione è destinata. Questa unione di credenti nel tempo e nello spazio dimostra logicamente la moralità del pentaismo, ma essa può anche essere accettata senza prove, per la via della fede, o raggiunta attraverso lo studio. Solo attraverso vie morali si può avvicinarsi alla verità divina (senza, naturalmente, essere in grado di raggiungerla), e solo la moralità può essere una scusa per l'esistenza di una religione. Tutte le religioni hanno portato all'emergenza del pentaismo, che è nato da esse, in modo che, senza negarle nel comune, le contiene come idee in sé, come loro intersezione (matematicamente parlando), o come emanazione della morale incorporata in loro attraverso i secoli della storia umana sulla via della conoscenza!



     Aprite liberamente le dita, scegliete loro preferita Via di Conoscenza, e uniteci alla quintessenza di tutte le religioni, alla più atea e contemporanea, alla più libera e tollerabile, alla più ampiamente diffusa, anti-dogmatica, ragionevolmente segreta e scientifico-utopica, facilmente accessibile a tutti e al massimo morale religione, che offre il miglior sostegno e miglior oppio per tutti i popoli, sulla via della felicità integrale dell'umanità!



     Diventate pentaisti per ottenere il significato della vita senza senso!



     1995 – 1998





     







AGGIUNTA —


RICERCA ETIMOLOGICA


(multilingua)

     









* * * [Originale in russo]







"Привет товарищ грузчик!"

"Кому Вы говорите?"

"Ну, как же так: 'не грузчик'?

Однако же, простите,



Товарищ в русском языке

Ведь от товар изводится?

Ну и понятно, значит, всем,

Что к грузу это сводится,



К страданьям, мукам, нищетам

И прочим унижениям;

Товарищ — грузчику чета,

И прочь все возражения!



Да вот вопросик у меня

При этом появляется:

Коль скоро это, господа,

Перверзностью является,



Неужто это Вам — как знать? —

Как музыка звучит;

И всем кулак под нос совать

Ничуть и не претит?"




[Traduzione del suddetto senza/* rima]


[ * Altrimenti non avrebbe potuto essere chiamato "multilingua". Ah, si può provare per divertimento di usare alcuni dei traduttori del computer. ]

"Ciao, mio amico caricatore di bagagli!"

"Ma con chi voi state parlando?"

"Beh, come non siete 'caricatore'?

Quindi aspettate un po'.



La parola 'tovarishch' in russo

Viene da 'tovar', non è vero?

Quindi è chiaro alla gente,

Che questo si riduce al carico,



Alla sofferenza, all'agonia, alla povertà,

E agli altri umiliazioni;

Tovarishch forma con il caricatore coppia,

E non c'è nulla da discutere!



Ma io ho una domanda

In riguardo a questo:

Perché, dopo tutto, signori,

Ciò è una perversione,



È possibile allora — come io lo so? —,

Che questa parola vi suona come musica;

E anche a tutti sotto il naso

Un pugno di spingere vi piace?"











* * * [Originale in bulgaro]


"На български туй ще рече,

че бяхме ний ... хамали.

И кой с това не се гордей

не ще успей, едва ли."



"Но господине, срамота!",

дочувам нейде глас.

"При нас другари бяха, да!

Не ни лъжете нас!"



"Нима възможно е това?",

си казвам аз, "Почакай!

Дали перверзен е света,

или пък е руснака?"



На Запад да се устремим

във нашето сравнение,

та по-добре да преценим

туй думово явление.



[Traduzione del suddetto]


"In bulgaro questo deve dire,

Che noi eravamo tutti ... caricatori.

E chi non ne è orgoglioso,

Può difficilmente prosperare."



"Ma, signore, vergognatevi!",

Io sento una voce dire.

"Noi eravamo 'drugari'-compagni, sì,

Quindi non ingannarci!"



"Va bene, è possibile?", mi dissi

A me, "Ma allora aspetta!

È ora il mondo pervertito,

O solo il russo?"



Andiamo, dunque, ad ovest

Nel nostro parallelo,

Così che questo fenomeno di parole

Avremo in grado meglio di giudicare.











* * * [Originale in inglese]


"Well, it is clear for the world —

The etymology, the reason —

And 'camarad' comes from the word

For cell in gaol or prison.



This means that all the working class

Are prisoners, or just about,

And greeting someone between us

We glad are he is free, or out.



It comes from town French — Marseilles —

And states: we were like working slaves.

You see, it's now just cliche,

For we are strong, and also brave."



"Okay, all right, I see it clear,

But it's again perversion,

Which sane man never wants to hear —

Let's call it Western Version."




[Traduzione del suddetto]


"Bene, è chiaro per il mondo —

L'etimologia, la ragione —

Ed il 'camarad' viene dalla parola

Per una cella in prigione o carcere.



Ciò significa che tutta la classe lavoratrice

Sono prigionieri, o pressoché,

E salutando qualcuno tra noi

Siamo felici che egli è libero o fuori.



Viene ciò dalla città francese — Marsiglia —

E afferma: eravamo come schiavi lavoratrici.

Vedete, questo ora è solo cliché,

Perché siamo forti e anche coraggiosi."



"OK, va bene, lo vedo chiaro,

Ma è di nuovo perversione,

Che uomo sano non vuole sentire —

Chiamiamo questo: versione occidentale."











* * * [Originale in tedesco]


"Na, gucken Sie bei uns mal, Herr.

Ich weiß was möchten Sie erkunden.

'Genosse', sagen wir, und wer

Will das zu dem Gefängnis binden?



Natürlich können Sie plädieren

Daß auch 'Kamerad' wir sagen.

Mein Herr, wir sind zu gratulieren,

Weil auch dieses Wort wir tragen.



'Genosse' kommt gleich von ... genießen

Und sagt uns: 'Ja, ein guter Mensch!',

Und weiter, wie vielleicht Sie wissen,

Steht griechisches Wort, nämlich, γεν.



Die Meinung ist nicht neu: die Römer

Dann sagten castum, wir jetzt Kaste —

Für beste Leute. Gibt es noch mehr:

In England — chaste, in Russland — stschastje."








[Traduzione del suddetto]


"Bene, guardate qui, signore,

Io so cosa volete esplorare.

Noi diciamo 'Genosse' e chi osa

Connettere questa parola con il carcere?



Naturalmente voi potete asserire

Che noi diciamo anche 'Kamerad'.

Signore, dobbiamo congratularci,

Che conosciamo anche questa parola.



'Genosse' viene da ... 'genießen'-divertirsi,

E dicci, 'Sì, egli è una brava persona!'

E dopo sta, come forse sapete,

La parola greca, vale a dire, γεν.



L'opinione questa non è nuova: i romani

Dicevano castum, noi ora 'Kaste' —

Per persone migliori. C'è anche:

In Inghilterra — chaste-casto, in Russia — 'schastie'/**."



[ ** Deve essere letto 's-ch…' e significa felicità. ]











* * * [Originale in bulgaro]


"Тъй, тъй. Излиза, че Genosse

за немците такъв се счита,

кой много добри ... гени носи!",

си казвам аз и пак се питам:







"Добре, но 'кво му беше лошо

на нашето 'другарю',

че турихме и него в коша

със други дрехи стари?



На немски дума 'ander' има,

на гръцки ανδροσ е човек,

антропологията вземам,

и андроида — в ХХ век.



Другар е другия до тебе —

приятел, скъп, ценен.

Другар е винаги потребен —

за тебе и за мен.



Но при перверзни хора,

вари ги и печи,

те пак ще видят зора —

коет' и ни личи!"



Отвръщат ми тогава

куп шмекери устати:

"Туй всичкото е плява,

затуй си още патим!



Известно е, че в комунизма

перверзността се корени.

И след една прилична ... клизма

ще отстраниме тез' злини."



"Добре, приемам, но при тоз' подход —

щом търсим скритата причина —,

то пък капитализма даде ход

на комунизма — пусна джина!



Но номера е, че това

проблемите ни не решава,

защото нийде по света

тъй както е при нас не става.



Перверзност шири се навред,

но някак-си със мярка,

а ние не вървим напред,

и сме с акъл ... на ярка."




[Traduzione del suddetto]


"Bene, bene. Si scopre che questo 'Genosse'

È per le persone tedesche tale,

Chi molto cari ... geni porta/***!",

Dico a me stesso e mi chiedo di nuovo:



[ *** Questo è perché in bulgaro nosja significa trasportare. ]

"Va bene, ma che era così brutto poi, ah,

Nella nostra parola 'drugarju'-compagno,

Che la gettiamo anche nel cestino dei rifiuti

Con altre inutili cose?



In tedesco c'è la parola 'ander',

In greco un umano è ανδροσ,

Poi può menzionare l'antropologia,

E ora — nel 20. secolo — è l'androide.



Drugar-compagno è quello vicino a te —

Un amico, che è molto apprezzato.

Drugar si deve sempre avere —

Debbo io, e devi tu, e debbono tutti.



Ma quando le persone sono perverse,

Fate con loro quello che vi piace,

Essi soffriranno sempre —

Che è anche cosi con noi!"



E ora molti tipi fraudolenti

Iniziano a contraddirmi:

"Tutto questo è spazzatura, trucioli,

Ed è per questo che soffriamo!



È chiaro, che nel comunismo

La perversione è nascosta.

E dopo una decente ... clisma

Sarà questo male eliminato."



"OK, ma poi, con questo approccio —

Cercando la ragione nascosta —,

Il capitalismo ha causato il disastro,

Ha liberato il jin dalla bottiglia.



Il punto è, però, che tutto questo

I nostri problemi non risolve,

Perché da nessuna parte nel mondo

Non succede così come con noi.



La perversione è tutt'intorno,

Ma in alcuni limiti, sì,

Tuttavia, siamo noi, chi non andiamo avanti,

E hanno un cervello del ... pulcino."












* * * [Originale in bulgaro]


Таквизи мисли доста странни,

нали, понякога се пръкват.

Но тъй като са нежелани,

да ги накараме да млъкнат.



[Traduzione, questa volta rimato]


Che pensieri molto strani — sì? —

A volte spuntano dall' mia testa!

Essendo indesiderati, chi

Vuol' lasciarli nella mente desta?




     12. 2000









FINE del libretto






Report this text